informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare analista di sistema: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare analista di sistema: studi e possibilità Studiare a Foggia

Scopri come diventare analista di sistema grazie a questo articolo. È un momento propizio per parlare di questo argomento. Sai, le nuove tecnologie continuano a crescere, e l’economia viene trainata da questo settore, in cui molti imprenditori stanno investendo. Gli sviluppi dell’informatica e di tutti i campi dell’innovazione stanno aprendo canali sempre nuovi per le aziende. Tutto viene trasformato da quest’onda di cambiamenti: dal rapporto tra aziende e consumatori, passando per le strategie di marketing. Ma in questo articolo, come abbiamo anticipato ci occuperemo degli analisti di sistema, questi misteriosi personaggi, grazie ai quali il mondo sempre un posto sempre pieno di sorprese.

Diventare analista di sistema: perché?

programmatore di sistemaPensa all’attività che stai svolgendo in questo momento. O a quelle che hai svolto durante l’arco della giornata. Stai leggendo un articolo su internet, dal tuo pc, oppure dal tuo smartphone. Probabilmente questi giorni sei andato alle poste, oppure hai lavorato, o hai fatto una qualsiasi altra cosa che però, aveva sicuramente a che fare con sistemi complessi in cui la gestione di un lavoro è stata ottimizzata e velocizzata grazie all’aiuto di queste care e vecchie macchine che contengono un linguaggio segreto e miracoloso: i computer. Per arrivare a un livello di precisione di un’organizzazione lavorativa è molto importante conoscere come funzionano questi strumenti tecnologici e saperli usare per ottimizzare sempre di più i processi di produzione dei servizi e dei prodotti, rendendo gli schemi di lavoro e i sistemi efficienti per davvero,

Per raggiungere questo obiettivo e per svolgere questo lavoro è necessario avere delle risorse incaricate, gli analisti di sistema. Questi professionisti, generalmente appassionati di informatica, vengono attualmente sempre più richiesti dalle aziende.

Cosa fa un analista di sistema

Come abbiamo detto le aziende si avvalgono del contributo della tecnologia per ottimizzare le proprie performance e ottenere sempre migliori risultati.

L’analista di sistema è quel tipo di professionista in grado di analizzare i processi aziendali e progettare software e programmi per monitorarli e collaudarli. Il suo lavoro è indispensabile nelle grandi aziende, soprattutto dove ci sono diversi reparti e comparti da gestire. Contribuisce a rendere i processi fluidi e produttivi, senza intoppi, grazie all’applicazioni di soluzioni tecnologiche.

La prima parte del suo lavoro, come accade per molti altri lavori, ha a che fare con la consulenza. Per diventare analista di sistema quindi non si deve possedere soltanto attitudini di tipo tecnico ma anche capacità relazionali.

Durante la consulenza l’analista di sistema raccoglie la richiesta del cliente e individua gli obiettivi da raggiungere. Una volta che sono stati stabiliti questi obiettivi il professionista cerca di comprendere quali strumenti può utilizzare per trovare una soluzione efficace e di solito si tratta di strumenti della progettazione informatica. Ovvero, realizza programmi. I programmi viene quindi ideato e messo a punto. L’analista di sistema si occupa di misurare l’efficienza del processo, di valutare i rischi, i costi e i benefici che si possono raggiungere tramite i passaggi che ha ideato.

Analista di sistema: mansioni e requisiti

Abbiamo pensato che schematizzare (un’attività tipica degli analisti) fosse utile ad avere maggiormente chiaro il quadro. L’attività di un’analista di sistema si compone di diverse mansioni:

  • Comprendere gli obiettivi del cliente
  • Modificare programmi già esistenti o crearne di nuovi
  • Configurare sistemi informatici
  • Collaudare sistemi e reti informatiche e risolverne i problemi
  • Fornire consulenza tecnica al cliente

Sono tutte attività che necessitano competenze strutturate, e per questo è necessario formarsi. Più avanti parleremo di quali percorsi intraprendere per diventare analista di sistema, ma prima vediamo quali sono le capacità tecniche (e anche umanistiche, come abbiamo già detto) che dovrebbe possedere un analista di sistema:

  • Abilità creativa e analitica
  • Ottima conoscenza di circuiti elettronici e informatici
  • Conoscenza di hardware e software
  • Conoscenza base di programmazione
  • Predisposizione alla leadership
  • Capacità di problem solving
  • Conoscenze base di marketing e business
  • Conoscenza della terminologia tecnica in lingua inglese
  • Conoscenza delle procedure amministrative e d’ufficio

In quali contesti si può lavorare come analista di sistema

mansioni analista di sistemaIl lavoro dell’analista è molto richiesto negli ultimi anni. Migliorare gli obiettivi di lavoro è un obiettivo condiviso da molte aziende. Soprattutto le grandi aziende, le imprese che producono software, i centri di ricerca e anche le università sono interessate ad assumere questi professionisti. Si può anche lavorare come free lance, ora che il mercato lo permette, essendo più libero, più flessibile e aperto.

Abbiamo indicato le attività principali, che sono quelle della programmazione e dell’analisi dei sistemi, ma si può anche ambire a lavorare in posizioni dirigenziali, conosciamo diversi analisti di sistemi che hanno iniziato così e che poi hanno raggiunto obiettivi molto più alti, che forse non avrebbero neanche immaginato.

Probabilmente ti stai chiedendo anche quanto guadagna un analista di sistema. Bene, guadagna tanto. Ma dipende dal contesto in cui presta servizio. Se lavori come free lance puoi sicuramente scegliere da solo il tuo tariffario, cosa che non ti sarà possibile se lavori come dipendente.

In linea di massima i guadagni oscillano tra i 40 mila e i 60 mila euro lordi all’anno, ma la retribuzione può anche aumentare fortemente a seconda del tipo di settore specifico.

Come diventare analista di sistema

E veniamo un po’ al cuore del discorso, ovvero come diventare analista di sistema. Dopo aver spiegato in lungo e in largo in cosa consiste questo interessante lavoro è giunto il momento di parlare del come. Sicuramente si deve studiare, questo è poco ma sicuro. Ci sono molte più possibilità di lavorare come analista e programmatore di sistemi frequentando degli studi universitari. Il contesto accademico contribuisce a fornire il giusto bagaglio di esperienze teorico-pratiche, e ad approfondire le materie a supporto del futuro professionista. C’è anche chi sostiene che non sia d’obbligo lo studio universitario, ma non siamo della stessa idea. I corsi specialistici esistono, ma con il conseguimento della laurea puoi ambire a posizionarti direttamente in ruoli di maggior livello.
Al di fuori dell’università è solo l’esperienza che può fare la differenza. Come abbiamo cercato di sottolineare, si tratta di un profilo molto specializzato, che necessita di competenze trasversali, che vanno dagli studi organizzativi all’ingegneria, dall’economia alla sociologia, passando per il marketing e le scienze di tipo matematico e informatico. Insomma, un bel mix di discipline.

Per accedere alla professione, dunque, non è necessario un percorso formativo univoco. Come suggerimento iniziale, per chi non può accedere ancora al percorso universitario e sta pensando con largo anticipo al lavoro futuro (liceali previdenti!) suggeriamo l’iscrizione a un Istituto Tecnico Industriale a indirizzo tecnologico. Successivamente, si può proseguire la propria carriera formativa frequentando con profitto un percorso universitario in una delle discipline succitate. Per esempio si può conseguire una laurea in:

  • Ingegneria gestionale
  • Scienze e tecnologie informatiche
  • Economia
  • Scienza dell’organizzazione

Il percorso deve essere poi ultimato tramite il sistema di Master, Dottorati e Corsi di specializzazione offerti da università ed enti pubblici e privati.

La facoltà di ingegneria e di Economia presso l’Università Niccolò Cusano

Il nostro consiglio è quello di iscriversi a una delle facoltà indicate sopra. Abbiamo anche dei consigli più specifici. Presso l’Università Niccolò Cusano sono attivi diversi corsi di laurea all’interno delle sei facoltà on line, ad esempio il corso di laurea triennale in Economia Aziendale presso la facoltà di Economia e diversi corsi di laurea triennale e magistrale all’interno della facoltà di Ingegneria.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali