informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come studiare procedura penale? I consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come studiare procedura penale? I consigli da seguire Studiare a Foggia

Studiare procedura penale può spaventare a primo acchito, lo ammettiamo. Lo studio di tutte le procedure ha bisogno di un discorso a parte, necessario per affrontare al meglio questo impegno, comunque diverso da quello del diritto civile, o di altri esami di giurisprudenza. La differenza è tra un tipo di studio che richiede una conoscenza degli istituti e un altro che reclama la tua capacità di connettere tra loro vari “procedimenti”. Possiamo definire lo studio di procedura penale come uno studio dinamico. Cerchiamo di capire meglio come approcciarsi a questa disciplina nel modo più efficace per raggiungere un ottimo voto al prossimo esame.

Come studiare procedura penale

diritto processuale penale

Abbiamo detto che si rivela necessaria una conoscenza dinamica. Cosa vuol dire? Significa che i concetti del manuale non bastano, è necessario saperli collegare tra loro, comprendere intimamente come si svolge il processo. Avere uno schema chiaro nella mente (e anche su carta) è importantissimo. Entriamo nel vivo del linguaggio cercando di fare un esempio calzante. Non puoi comprendere i poteri di polizia giudiziaria se non conosci almeno a grandi linee dove si colloca l’udienza preliminare rispetto alle indagini e al dibattimento.

Attenzione, questa prima parte deve occuparti poco tempo nello studio di procedura penale, cerca di schematizzarla direttamente del libro. Perché? Perché la seconda fase prevede l’analisi più approfondita dei singoli istituti, che a questo punto saprai collocare con più facilità. L’idea è quella di apprendere gli istituti “in corso d’opera”, come se imparassi lungo la strada le varie tappe del percorso. Una volta apprese ti guarderai indietro con un bagaglio di conoscenze che potrai integrare tra loro con maggiore facilità, e delle quali potrai approfondire meglio i vari aspetti, avendole chiare anche il un disegno più ampio.

Procedura penale: una materia che fa pensare?

Ovviamente è una materia molto tecnica, ma allo stesso tempo di importanza vitale per conoscere la giurisprudenza e l’ordinamento italiano. Che tu voglia diventare un grande avvocato o che le tue ambizioni di carriera siano di tutt’altro tipo non puoi farne a meno. Lo studio delle procedure serve per avere un quadro preciso dell’applicazione del diritto, entrando immaginariamente nel vivo dei processi, nelle aule di giustizia e nei tribunali.

Dunque, per aiutarti a studiarla al meglio vogliamo fornirti qualche consiglio, vedrai che ti servirà per scalare questo ipotetico scoglio (alla fine sembrerà una pietruzza innocua). Come primissimo consiglio ci sentiamo di dirti: segui le lezioni. Sappiamo che la frequenza può essere un problema, e se non lo sappiamo noi chi altro può saperlo? Anche per questa ragione crediamo nella formazione in modalità e-learning. Il vantaggio di avere a completa disposizione le lezioni e il materiale didattico di supporto in qualsiasi momento è impagabile, soprattutto quando si parla di materie più complesse quelle dell’area giuridica.

Durante le lezioni i professori sono in grado di spiegare in modo più semplice i concetti e i punti chiave più difficili da assorbire. Quelle famose interrelazioni tra gli istituti saranno più semplici da comprendere.

L’esame di procedura penale è uno dei più significativi di tutto il percorso in giurisprudenza, non basta studiare a mozzichi e bocconi (in realtà per nessuno esame, ma c’è chi ci prova comunque). Conoscere il manuale è doveroso, e conoscerlo bene lo è altrettanto. Di solito non ci sono scorciatoie o scappatoie a questa cruda verità. Il manuale va studiato attentamente. Ma quale manuale? Ovviamente avrai dei testi di riferimento che i docenti ti avranno inserito nel programma dell’esame. Ma puoi anche avvalerti di altri titoli e manuali di procedura penale su cui pensi di trovarti meglio. In ogni caso non pensare neanche lontanamente di approcciarti alla materia solo attraverso lo studio del codice. Matematicamente impossibile. Senza la guida del manuale non sarai in grado di mettere in collegamento istituti che vengono disciplinati in parti diverse del codice, che permette quindi una conoscenza solo sommaria della disciplina.

Si deduce che un altro importante consiglio è quello di studiare procedura penale facendo scorrere parallelamente la conoscenza del codice e lo studio dei manuali.

Manuali di procedura e diritto processuale penale

Ti abbiamo anticipato che l’uso di un buon manuale non è facoltativo. Ma non sempre è facile districarsi tra i diversi testi. Così abbiamo pensato che non ci sia un consiglio migliore di un titolo di manuale di procedura penale fatto bene. Ma che diciamo? Non uno, diversi, così per qualsiasi esigenza puoi scegliere quello che credi più opportuno.

Uno dei più famosi è il Manuale di procedura penale di Paolo Tonini, edito da Giuffrè. Un tomo da 1122 pagine. Insomma, un libro che si difende bene e fa bene il suo lavoro. Oltre a valere oro nella preparazione dell’esame di procedura penale rimane anche un fedele e valido compagno dei professionisti in giurisprudenza. La ricostruzione e l’analisi chiara della procedura garantisce una visione panoramica completa.

Ne esiste una versione abbreviata: Lineamenti di diritto processuale penale, sempre edito da Giuffrè. Abbiamo il figlioletto del librone precedente, in questo caso 622 pagine. Un testo più maneggevole, ma ugualmente “intenso”. 

L’altro “must to have” è il Compendio di procedura penale di Giovanni Conso, Vittorio Grevi e Marta Bargis, edito da Cedam e composto da 1192 preziosissime pagine. Se la batte con il Tonini precedente in quanto a importanza. Ma non è un compendio, nonostante il nome, è proprio un manuale e dentro ci troviamo tutto, dalle pronunce costituzionali, alle decisioni delle sezioni della Corte di cassazione.

Come e dove studiare diritto processuale penale se si ha poco tempo

studio procedura penale

Se hai poco tempo per studiare procedura penale pensaci bene, forse non è una scelta intelligente. Si tratta comunque di un esame che merita molto impegno, non solo per il volume del materiale da studiare ma per l’importanza che ricopre a molti livelli, nella vita di una persona che ha scelto di studiare giurisprudenza.

Se comunque non hai tempo, sappi che può capitare. Alla fine non sempre è tutto pianificabile, gli studenti lo sanno bene. Allora come fare? Lascia da parte i manualoni di cui ti abbiamo parlato e prendi un’altra strada, scegli testi più flessibili e meno prolissi. Ne esistono di diversi che si concentrano su tutti gli argomenti che devi sapere ma senza entrare troppo nel dettaglio.

Ricorda sempre che se hai un compendio e un buon codice stai in buone mani. E soprattutto se hai studiato bene diritto processuale, che ovviamente costituisce una parte complementare di questa preparazione. Sono due materie diverse che servono entrambe l’ambito processual-penalistico.

A questo punto, in conclusione, pensiamo di aver dato già validi consigli. Abbiamo un po’ dato per scontato che le regole per un buon apprendimento del diritto siano già state assimilate da coloro che sono giunti fino a questo step, regole come:

  • Buon apprendimento della terminologia appopriata
  • Sviluppo della apacità di spiegare in sintesi e a parole proprie gli istituti giuridici
  • Allenamento della capacità di memorizzare una grande quantità di dati

Non sono vere e proprie regole, ma giusti presupposti che si vanno affinando nel corso del tempo. Per esempio, l’ultimo punto è un’arma a doppio taglio. Per questo lo abbiamo messo alla fine, perché sì, è importante avere una buona memoria, ma non per imparare tutto a memoria. Semmai per immagazzinare senza troppa fatica i dati per poi saperli connettere in un discorso logico.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali