informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come vivere felici? Le abitudini da adottare ora

Commenti disabilitati su Come vivere felici? Le abitudini da adottare ora Studiare a Foggia

Rispetto alla questione su come vivere felici in questo articolo daremo due tipi di risposte: da una parte quali abitudini adottare la una felicità quotidiana e costante, dall’altra quali eliminare per scongiurare il rischio di lasciarsi attaccata addosso l’infelicità. Ci sembra giusto sottolineare che una vita serena è data dall’equilibrio. Quindi se c’è qualcosa da mettere o aggiungere c’è anche qualcosa da togliere. In questo articolo ti seguiamo passo passo, per lasciarti andare sereno verso l’orizzonte di tranquilla gioia che ti aspetta.

Essere felici: un’arte o una qualità innata

Non vogliamo aprire una trattazione filosofica sulla pagina di questo blog, non vogliamo neanche fare psicologia spicciola. Ci interessa mostrarti che il mondo e la vita di tutti i giorni sono fatti di piccolissime cose, le quali, che se viste sotto la giusta prospettiva possono fare la differenza sul tuo umore. Diventare felici forse si può. Ovviamente sappiamo che ci sono delle tendenze caratteriali contro le quali non è neanche troppo giusto lottare. Non stiamo dicendo che devi essere felice a tutti i costi, ma che se vuoi esserlo c’è qualcosa che puoi fare perché il processo sia più semplice. Ti forniamo cinque suggerimenti rispetto alle abitudini di vita che devi eliminare in quanto deleterie per la tua percezione della felicità. E cinque abitudini di vita che puoi facilmente acquisire per trovare un briciolo di ottimismo in più e una spinta alla positività.

Consigli per essere felici: abitudini da evitare

Iniziamo con le cinque cose che dovresti eliminare dalla tua vita per ritrovare il sorriso. Mettiamo le mani avanti, non è per niente facile. Ma qui caschiamo in un facile tranello. Chi ha detto che le cose difficili non si possono intraprendere con leggerezza? In questa lista troverai probabilmente qualcuno dei tuoi peggiori nemici psichici, facci attenzione, sono duri a morire. E sai perché? Perché non ti ci devi scagliare contro, ma semmai abbracciarli. Questo le scienze psicologiche lo ripetono spesso: non si può reprimere ciò che si sente, ma sono integrare.

Quindi ecco le abitudini da trasformare, integrare, depotenziare:

  1. la paura
  2. il pregiudizio
  3. la trascuratezza
  4. cinismo
  5. critiche e autocritiche

Ognuna di essere merita qualche riga di spiegazione. Da qui in poi leggi con attenzione, è la ricetta più utile che puoi trovare per acquisire felicità

1.La paura

Un meccanismo di difesa, non sempre sbagliato. Se percepisci paura è ovvio che la essere felice è difficile, forse è la cosa più lontana. Ma ogni tanto lasciati andare, non sei costantemente sotto minaccia, le novità non ti stravolgeranno la vita, e oltre l’iniziale momento di terrore che ti assale quando arriva un imprevisto c’è un mondo di novità preziose e interessanti che ancora non conosci.

2. Il pregiudizio

Ma anche il giudizio. Entrambi acerrimi nemici della capacità di vivere serenamente. Entrambi alla base di un tranello fastidioso: complicarsi la vita. Conoscere chi hai intorno per quello che è, apprezzarne pregi e difetti, significa anche accettare sé stessi, provare per credere.

3. La trascuratezza

Purtroppo è un circolo vizioso. Senti una sensazione di tristezza e ti allontani sempre di più da stesso, dalle cose che ti fanno sorridere, dall’idea di avere tanto da valorizzare e per cui ringraziare, in primis te stesso. Rimedio? Bagno caldo profumato, un concerto, o una seduta alle terme. Qualcosa che ti faccia bene, a te soltanto.

4. Cinismo

Da qualche parte abbiamo letto che ricerche scientifiche dimostrano che le persone ciniche sono più intelligenti. Chissà, ma a noi ci sembra tanto una bufala. Essere cinici può anche divertire, ma alla larga infastidisce le persone, le allontana e non gli permette di vedere quanta bellezza c’è dentro di te.

5. Le autocritiche (e le critiche)

Ci piace dire ai nostri studenti dei corsi di laurea: lasciatevi stare. Anche tu, lasciati stare. Non torturati scaricandoti addosso tutte quelle aspettative. L’autocritica esasperata è una delle prime cause di infelicità. Per vivere con serenità bisogna apprezzarsi, è tanto difficile?

Diventare felici: le abitudini giuste

uomo felice

Diamo per scontato che tu abbia lavorato su questi aspetti del tuo carattere. Non devi estirparli per forza, basta che tu li riconosca, e piano piano li saprai prevedere e tenere a bada, e perché no, anche iniziare a capire che non sono negativi in assoluto, ma che devono essere utilizzati al momento opportuno. Invece ci sono delle abitudini che possono essere sempre e comunque adottate, dei semplici gesti o attitudini che dovrebbero accompagnarti in qualsiasi momento della tua vita. Ecco quali sono:

  1. Fare esercizio fisico
  2. Tenere viva la curiosità
  3. Entrare in contatto con la parte spirituale
  4. Essere altruisti
  5. Essere generosi con sé stessi

Anche in questo caso non ti lasciamo con indicazioni generiche, vogliamo davvero che tu possa comprendere il potenziale di queste cinque abitudini per il tuo benessere mentale.

Fare esercizio fisico

Il corpo è lo specchio dell’anima. Sì, forse lo si diceva degli occhi. Ma non importa, qui era importante sottolineare che la salute del corpo corrisponde alla felicità della mente. Lo sport e l’attività fisiche sviluppano e attivano la risposta positiva del cervello. Bastano dieci minuti ad alta intensità. Prova qualche attività cardio.

Stimolare la curiosità

Leggere, scrivere, disegnare, dedicarsi ad attività creativa stimola la curiosità e soprattutto il pensiero divergente. Di cosa si tratta? La capacità di trovare soluzioni sempre diverse agli stessi problemi o a problemi sempre nuovi, con un’attitudine proattiva. Se non è questa un’abitudine per essere felici non capiamo quale altra potrebbe esserlo.

Curare la parte spirituale

Non siamo solo materia, siamo mente e anche spirito. Stop! Lo sappiamo che stai pensando che sia un discorso new age o peggio ancora religioso. Niente di più falso. La spiritualità significa riconoscere di avere molto altro oltre i propri problemi e le preoccupazioni, un’esistenza che potrebbe allargarsi a una felicità più alta. Come scoprirlo? La meditazione è un esercizio utilissimo, ma anche la gratitudine.

Essere altruisti

Ok, abbiamo detto che per vivere felici non bisogna per forza credere in un’entità superiore. Quindi non stiamo parlando della carità cristiana, seppure siamo convinti che sia un valore morale prezioso e autentico. No, stiamo parlando della capacità di fare qualcosa per gli altri, e se vogliamo essere banali lo diciamo: aiutare una vecchietta ad attraversare la strada. Sì, è banale. Ma dicci un po’, hai mai provato a farlo?

Essere generoso con te stesso

chiave per la felicita

Poco fa ti abbiamo detto “lasciati stare”. Adesso ti diciamo pressappoco il contrario “cercati e regalati qualcosa”. Un regalo è quello che ci vuole per coronare l’amore per sé stessi, e anche se non vedi motivi per questo slancio di passione per la tua persona, che importa. Convinciti che te lo meriti lo stesso. Incartatelo e lascialo in un punto della tua casa. L’indomani aprilo, come se l’avessi trovato per caso. Una bellissima sensazione, per cui dovrai ringraziare soltanto te stesso.

E adesso? I nostri complimenti! Sei arrivato alla fine dell’articolo, meriti tutta la nostra stima, ma soprattutto meriti di essere felice e questo come tutti gli esseri viventi su questa terra. Sono tante le ragioni per cui esserlo, e ci dispiace se sei capitato su questo articolo perché in questo momento non ne trovi una. Proviamo empatia per te, e vedrai che passerà, anche se non ti sembra, anche sembra impossibile. Se pensi di non farcela, prova a chiedere aiuto. In Italia c’è molta disinformazione e pregiudizio sulla psicologia, ma andare dallo psicologo è un’esperienza bellissima che aiuta ad alleggerirsi e a migliorare la percezione della vita.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali