informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Quali sono gli esami più impegnativi della facoltà di economia?

Commenti disabilitati su Quali sono gli esami più impegnativi della facoltà di economia? Studiare a Foggia

Sei terrorizzato all’idea di dover affrontare gli esami più impegnativi di economia. Ne hai ben donde, in effetti ci sono degli esami che si presentano minacciosi, con un programma lungo e tosto, eppure anche per questi ultimi è possibile organizzarsi e prepararsi al meglio senza rischiare di perdere quindici anni di vita. In questo articolo ti illustriamo quali sono gli esami difficili secondo gli studenti dell’università di economia a Foggia, che prima di te hanno attraversato queste dure prove.

Gli esami più difficili di Economia

studiare economiaI nostri studenti hanno dato risposte diverse, ma entro un certo numero di opzioni ricorrenti. In fin dei conti gli esami impegnativi del corso di laurea in Economia sono sempre gli stessi, quelli pieni di calcoli e grafici, pieni di concetti da imparare a memoria e di formule da decifrare. Non indicheremo gli esami in ordine di difficoltà, ci limiteremo a descrivere gli elementi caratteristici e qualche dettaglio saliente.

Finanza Aziendale

Visto che abbiamo parlato di formule e grafici non possiamo non citare finanza aziendale, uno degli esami più impegnativi di economia per buona parte degli studenti e delle studentesse. Il problema che si nasconde dietro alcuni degli esami, di cui parleremo anche nei prossimi paragrafi, risiede nel fatto che per comprendere pienamente finanza aziendale è necessario comprendere pienamente anche matematica finanziaria, che è il vero e proprio spauracchio delle facoltà di economia. Purtroppo anche per quanto riguarda finanza aziendale sono numerosi i libri da studiare e tanti gli esercizi da fare, si tratta di una disciplina molto teorica (che ovviamente ha anche molti risvolti pratici).

Macroeconomia

Uno degli esami più importanti in assoluto, un pilastro portante del pensiero economico. Macroeconomia è considerato tra i più difficili di economia. Libri di testo a volte poco comprensibili, programma d’esame corposo e stratificato, prove che prevedono passaggi scritti e orali, ore e ore di sessioni da trascorrere ripetendo all’infinito concetti articolati. L’esame di macroeconomia è la tappa principale del primo anno di Economia, quell’esame che segna davvero l’ingresso in una nuova dimensione, fatta di numeri che svelano dinamiche molto più grandi, flussi economici imprevedibili che finalmente vengono sondati e analizzati nel dettaglio.

Intermediari Finanziari

Un esame che prevede una forte interazione con lo studente, solitamente chiamato a illustrare delle case studies. Per studiare questo esame di economia non basta imparare a memoria il manuale, bisogna conoscere come funzionano determinati meccanismi economici che il libro non può direttamente illustrare ma che vengono compresi informandosi in modo trasversale, stando attenti a ciò che accade a livello economico globale, leggendo riviste, restando informati sempre.

Matematica finanziaria

Eccolo qui, l’esame più difficile di Economia, il solo che ha fatto dannare decina di migliaia di studenti di Economia. Per molti una vera tragedia, mentre per altri sembra essere un’esagerazione considerare matematica finanziaria così terribile e temibile. Il problema è di facile intuizione, tutti coloro che odiano le scienze matematiche e la matematica in generale potrebbero non gradire lo studio del programma previsto per il superamento dell’esame. In alcune facoltà questa materia ne affianca altre ancora più specifiche, è il caso della facoltà di Ingegneria dove è previsto anche lo studio di Analisi I.

Bilancio

Studiare bilancio non è considerato dagli studenti così impegnativo come si crede. In realtà spesso e volentieri si tratta di un approfondimento di quanto già appreso durante il liceo. Gli studenti e le studentesse che affrontano l’esame di bilancio dopo aver conseguito studi superiori in ragioneria sono avvantaggiati. Per prendere dimestichezza con il linguaggio tecnico della materia ti suggeriamo di fare una full immersion nei bilanci d’impresa e di osservare come funzionano.

Diritto privato e commerciale

È arrivato il momento di stupirti con gli effetti speciali, forse non ti aspettavi che tra gli esami impegnativi di economia comparisse un esame tipico della facoltà di Giurisprudenza, anzi due. Diritto privato, mezzo avvocato, si dice nella cultura popolare dei corridoi delle facoltà italiane di Giurisprudenza, e il motivo è presto detto: si tratta di una prova parecchio pesante per molti studenti di diritto, figuriamoci per quelli di economia. Oltre a diritto privato anche quello commerciale può risultare ostico, ma forse meno del precedente e di più del prossimo, di cui parliamo in un paragrafo a parte.

Diritto pubblico

Sì, diciamo che si tratta dell’esame di diritto più facile tra i tre che abbiamo elencato, perché racchiude concetti e nozioni con cui ci interfacciamo ogni giorno. Tra Costituzione, organizzazione dello Stato, e molti altri argomenti anche piuttosto interessanti, trascorrerai diverse giornate impegnato con la testa in temi capaci di catturare l’attenzione, anche se a tratti difficili da comprendere tutti. Sarà difficile soprattutto se hai l’abitudine di studiare “a pappagallo”, ovvero “a memoria”. Questi esami possono essere capiti soltanto assimilando i concetti e mettendoli in connessione autonomamente, altrimenti vengono semplicemente immagazzinati nella mente, senza una reale conoscenza applicabile.

Speriamo di non averti traumatizzato troppo. Questi sono gli esami più impegnativi della facoltà di Economia secondo i nostri studenti, ma ricorda che ogni esperienza è soggettiva e può darsi che per te siano una passeggiata.

Credits foto in evidenza e 1: Depositphotos.com – Syda_Productions

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali