informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cos’è il Metodo Steiner? Definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Cos’è il Metodo Steiner? Definizione e caratteristiche Studiare a Foggia

Il metodo Steiner nella sua accezione pedagogica prende il nome di pedagogia Waldorf. Si tratta di un metodo educativo basato sul pensiero di Rudolf Steiner a partire dal 1919. L’approccio educatio si prende cura dei bambini per un tempo che va dall’età precedente l’asilo fino ai diciotto anni, andando a coprire l’intero arco dell’infanzia, adolescenza e post adolescenza. Steiner oltre ad essere un pedagogista era un filosofo, famoso per aver fondato il pensiero che prese il nome di antroposofia e che ispirò molte altre discipline, dando vita alla medicina steineriana e, appunto, anche alla pedagogia Waldorf.

Metodo steineriano: in cosa consiste?

Forse gli studenti di Scienze della formazione a Foggia ne hanno già sentito largamente parlare nel corso dei loro studi, o forse no. In realtà in Italia la pedagogia steineriana non ha attecchito tantissimo, e le scuole presenti sul nostro territorio nazionale sono soltanto trentuno.
Ma come si occupano di educazione e come declinano il metodo Steiner?
Uno dei primi importanti concetti è quello dell’antropologia evolutiva, che racchiude il profondo senso olistico di questo pensiero. Il fine ultimo della pedagogia dev’essere l’evoluzione del bambino. Vengono meno, dunque, gli aspetti professionali e le imposizioni per ottenere il raggiungimento di un ruolo.
Per tale motivo un altro degli aspetti rilevanti del metodo steineriano è l’interesse per le materie artistiche, creative e artigianali. Lo spazio lasciato all’insegnamento delle materie classiche non deve togliere o soverchiare l’insegnamento e il tempo lasciato per curare e sviluppare gli aspetti espressivi del bambino.

Altre caratteristiche del metodo Steineriano

Sicuramente ci sono delle similitudini o dei punti in comune con il metodo montessoriano, ed entrambi possono rivendicare il fatto di aver finalmente posto le basi per nuovi approcci, più sensibili, aperti ed empatici nei confronti del mondo dell’infanzia.
Il professor Steiner credeva che i bambini dovessero sperimentare il contatto con un mondo permeato dalla fantasia, senza per forza interfacciarsi con il mondo reale. Forse questo aspetto rappresenta una delle prime differenze tra Steiner e Montessori. La pedagogista italiana mise a punto un metodo improntato sul confronto del bambino con gli aspetti pratici della realtà, anche se comunque nel rispetto delle sue inclinazioni. Per fare un esempio pratico possiamo ricordare che nelle scuole steineriane i bambini non sono sottoposti ad attività didattiche basate sull’apprendimento della scrittura o della lettura fino ai sette anni, mentre nel metodo montessoriano si impara a scrivere molto presto.
Un ulteriore elemento di differenza tra la pedagogia steineriana e quella montessoriana è l’importanza, secondo Steiner, che i bambini condividessero l’ambiente e gli interessi con i coetanei, mentre per la Montessori era più importante e arricchente che i bambini sperimentassero l’ambiente delle classi miste, perché i bambini apprendessero gli uni dagli altri.

Come funziona la scuola Steineriana

La scuola steineriana ha una lunga storia che affonda le sue radici nel 1919 data della prima istituzione di un progetto educativo con questo approccio: la Libera Scuola Waldorf. Il nome Waldorf è da imputare al fatto che la scuola venne fondata per i figli degli operai della fabbrica Waldorf-Astoria, dall’industriale Emil Molt. Fu Rudolf Steiner a impostarne i principi, che da allora si diffusero in tutta europa, con particolare attenzione nel mondo germanico a anglosassone.

Steiner suddivise la vita del bambino e il suo sistema pedagogico in tre fasi, corrispondenti a un settennio di vita del bambino:

  • primo settennio (0-7 anni)
  • secondo settennio (7-14 anni)
  • terzo settennio (14-21)

Nel primo settennio il bambino sviluppa tre facoltà: posizione eretta e capacità di camminare, parole ed espressione di sé. Nel secondo settennio sviluppa l’emozione e i sentimenti che possono essere espressi tramite l’arte, come suggerisce il metodo steineriano. Il terzo settennio il bambino sviluppa pensiero astratto e capacità di giudizio autonoma.

Sulla base di questa suddivisione la scuola steineriana ha costruito un approccio pedagogico finalizzato all’evoluzione di queste diverse fasi di età, nel tentativo di sviluppare e accrescere le abilità potenziali in possesso del bambino.

Nel primo settennio i bambini sono accolti in quelli che vengono chiamati giardini di infanzia, nella protezione di un’atmosfera calda e familiare, dove gli stimoli sono volti a fare in modo che il bambino esprima la sua fantasia e creatività, tramite l’utilizzo di materiali semplici e oggetti di uso comune. L’esplorazione del mondo è aiutata dall’imitazione e dal movimento.

Il secondo settennio il bambino comincia a frequentare la vera e propria scuola, le classi sono suddivise e i cicli che vanno dal I all’VIII anno. I programmi sono basati sul ritmo e l’arte (un concetto molto importante per l’educazione di Steiner) e l’insegnamento è veicolato da una sola figura: il maestro di classe, che fa da guida dall’infanzia fino all’inizio della pubertà.

Infine, nel terzo settennio, i ragazzi entrano al liceo dove le materie tradizionali previste dalla scuola sono affiancate da economia, topografia, agricoltura e materie simili, finalizzate all’accrescimento dell’interesse del futuro uomo verso l’ambiente e il mondo circostante.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali