informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Partita IVA comunitaria: che cos’è e come funziona

Commenti disabilitati su Partita IVA comunitaria: che cos’è e come funziona Studiare a Foggia

La partita IVA comunitaria serve a chi vuole stabilire rapporti di tipo commerciale con aziende e/o liberi professionisti dell’Unione Europea. I confini si allargano e il mondo dell’economia diventa più ampio e complesso. Ecco un articolo per comprendere quali sono le procedure per l’avvio di un regime fiscale comunitario.

Aprire partita IVA comunitaria

iscrizione partita iva viesSei un piccolo artigiano? Hai un’azienda che produce prodotti regionali e vuoi allargare il tuo business all’estero? Non sei l’unico. Sempre più giovani e non stanno riscontrando un andamento maggiormente positivo del proprio business in paesi fuori dall’Italia, e questo li spinge a scegliere di aprire partita IVA comunitaria. Infatti prima di decidere di inviare merce in altri paesi bisogna accertarsi di rispettare il regolamento vigente. Dopo aver formalizzato la tua posizione puoi operare in tutti i paesi dell’Unione. Un bel vantaggio, davvero.

La partita IVA comunitaria quindi permette di inviare ma anche ricevere denaro e scambio di merci e/o servizi, regolamentando flussi in entrata e in uscita. Vendita e acquisto tra operatori all’interno del territorio UE sono ufficialmente concessi.
Il funzionamento di questo regime fiscale è legato all’immissione all’interno del Vat Information Exchange System, il VIES, una banca dati che raccoglie e registra gli scambi tra i diversi operatori. Ma vedremo le differenze tra partita IVA comunitaria e VIES più avanti. Nel prossimo paragrafo vogliamo concentrarci su quali devono essere i requisiti in possesso di coloro che vogliono avviare questo tipo di attività fiscale.

  • Soggetti che operano in attività imprenditoriali, artistiche e professionali, sul territorio di uno Stato comunitario, ove hanno istituito una stabile organizzazione e desiderano operare con l’estero
  • Soggetti non residenti che presentano la dichiarazione d’identità ai fini IVA o che nominano un rappresentante fiscale per la propria identificazione

Detta in soldoni (per usare termini mutuati dall’economia) per tutti i rapporti di scambio commerciale che avvengono tra operatori di diversi paesi dell’Unione Europea. La partita Iva comunitaria sarà sempre più richiesta dai giovani professionisti e dalle aziende.

Partita Iva europea: come richiederla

Stai per iniziare la tua attività da libero professionista? Allora fin dai primi passi nella regolamentazione della tua attività puoi aprirti alla possibilità di intraprendere “operazioni comunitarie” compilando lo specifico campo contrassegnato con queste parole all’interno del modello AA7 (valido per soggetti diversi dalle persone fisiche) e quello AA9 (se sei un lavoratore autonomo o risulti come ditta individuale). Chi ha una partita IVA di tipo nazionale già aperta e vuole cambiare i parametri per allargare il raggio di azione può richiedere semplicemente l’iscrizione al VIES, tramite un servizio telematico dell’Agenzia delle Entrate, che può essere richiesto anche tramite un intermediario a cui viene affidata la delega.

Mentre prima era necessario recarsi fisicamente all’ufficio dell’Agenzia più vicino adesso è possibile inoltrare la richiesta in qualsiasi momento, o ancora inviarla tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Ricordiamo che è necessario anche comunicare l’interruzione dei rapporti con l’estero, con le stesse modalità, sempre con invio telematico della comunicazione in cui si esplicita di rinunciare all’inclusione all’interno del VIES.

Cosa comporta la partita IVA europea

Chi apre la partita IVA comunitaria o chi ha aperto quella nazionale e poi ha richiesto l’iscrizione al VIES deve assolvere determinati obblighi. Innanzitutto deve presentare il riepilogo delle operazioni in entrata e in uscita che effettua con gli altri Stati. Se i riepiloghi dovessero risultare mancanti per tre mesi di seguito l’operatore o il libero professionista verranno esclusi automaticamente dal sistema.

Non lasciarti prendere troppo dall’entusiasmo. È bello fare affari, soprattutto all’estero. Ma se sei alla prima esperienza magari potresti sottovalutare alcuni rischi. Cerca di valutare bene le tue mosse e di informarti sempre a sufficienza rispetto all’iter che devi scrupolosamente seguire. In primis è opportuno informarsi su chi sono gli operatori con i quali interagisci e se loro stessi operano nel rispetto delle regolamentazioni comunitarie. Anche se può rivelarsi lungo e noioso ricordati sempre di verificare prima di accettare o inviare scambi.

Prima di tutto dovrai accedere al servizio di controllo che offre l’Agenzia delle Entrate o a quello della commissione europea che racchiude tutte le partite Iva comunitarie. Inserendo i dati dell’operatore in questione puoi ottenere in tempo reale un riscontro positivo o negativo rispetto all’assoluzione degli obblighi comunitari da parte dell’operatore. Un servizio utile per non incappare in guai per eccesso di buona fede.

Differenza tra VIES e partita IVA europea

libero professionista apre partita ivaLo abbiamo già accennato nei paragrafi precedenti. Il VIES non è un regime fiscale comunitario, ma una sorta di banca dati. Per intraprendere operazioni intercomunitarie è necessaria la partita IVA, una sigla composta da 11 numeri che identifica in modo unico il ruolo fiscale e la posizione di un libero professionista, definibile anche contribuente, o una persona giuridica, per utilizzare termini specifici della giurisprudenza. Aprire la partita Iva è obbligatorio per tutti coloro che superano i 5.000 euro di reddito e coloro che fanno parte di un albo professionale.

La procedura che dà diritto al codice e che quindi sancisce il passaggio al regime fiscale comunitario implica anche l’iscrizione al VIES, un archivio informatizzato a livello europeo, che raccoglie tutte le informazioni relative agli scambi di tipo finanziario-amministrativo tra Stati membri dell’Unione Europea. Tutti coloro che hanno ottenuto un codice identificativo Iva ed effettuano operazioni commerciali intra comunitarie vengono tracciati dal VIES. L’iscrizione al sistema è gratuita. Può essere anche effettuata in un secondo momento tramite intermediari o direttamente.

Fortunatamente l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione on line un servizio per i professionisti con partite IVA comunitarie. MA non tutti hanno ben chiaro come funziona il sistema e per questo preferiscono rivolgersi a qualcuno che se ne intende di economia.

Gli sbocchi professionali nel mercato europeo

Dobbiamo ammettere che per fiondarsi sul mercato a livello europeo serve una certa dose di intraprendenza. E che a volte l’intraprendenza non basta e serve una certa dose di conoscenza. Farti affiancare da una persona che ha studiato economia o scegliere tu stesso di intraprendere una formazione di questo tipo può permetterti di avere ulteriore materiale per conoscere il mercato e sapere come muoverti senza commettere passi falsi.

Le opportunità di studio universitario in Economia sono numerose, come quelle professionali che si palesano una volta terminati gli studi. In provincia di Foggia la vera novità dal punto di vista della formazione accademica è l’Università degli Studi Niccolò Cusano, che eroga corsi di laurea e master in area economia fruibili telematicamente. L’obiettivo è quello di fornire una proposta di studio di alta qualità insieme ai vantaggi di tipo logistico che offre la rete:

  • Studiare da casa e gestire il proprio tempo
  • Non rinunciare né allo studio né al lavoro
  • Non dover impiegare tempo nelle prassi di tipo burocratico

Soprattutto per coloro che vogliono compiere uno scatto di crescita professionale o per coloro che puntano dritti all’obiettivo e non vogliono distrazioni date dall’organizzazione di tempi e spazi classici dell’accademia tradizionale, questa è la soluzione migliore.

La facoltà di Economia Unicusano a Foggia offre un corso di laurea in economia aziendale e management, che dura tre anni ed è il primo passo verso un cammino su cui si può proseguire, ad esempio con il corso di laurea biennale in Scienze Economiche, alla quale possono iscriversi anche coloro che hanno frequentato altri corsi triennali in altre università.

Tutti i corsi sono in modalità e-learning, puntano tutto sull’innovazione, l’efficacia, la dinamicità della tecnologia e la formazione altamente professionalizzante, privilegiando percorsi che conducano ad un reale sbocco nel mondo del lavoro. Per chi vuole aprire partita IVA comunitaria o più in generale un percorso di business di largo respiro, è senza dubbio un’ottima possibilità per fare un balzo in avanti con maggiori competenze.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali