informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Psicologo forense: Chi è e cosa fa

Commenti disabilitati su Psicologo forense: Chi è e cosa fa Studiare a Foggia

Sei curioso di saperne di più sulla figura dello psicologo forense?

In questo articolo ti spiegheremo passo passo chi è e cosa fa lo psicologo forense, quali sono i suoi ambiti di interesse e il percorso di studi legato a questa professione.

Prima di entrare nello specifico, soffermiamoci sul significato di psicologia forense e sulla sfera di interesse collegata a questa disciplina.

Per psicologia forense si intende un’area della psicologia giuridica che si occupa dei processi psicologici legati a diversi aspetti della dimensione giuridico-forense.

Analizzando la parola forense, il significato dell’aggettivo fa, per l’appunto, riferimento alla parola “foro” direttamente connessa all’attività degli avvocati.

Ora che abbiamo definito che cos’è la psicologia forense, ecco tutto quello che devi sapere sulla figura dello psicologo forense, sulle sue responsabilità e sugli studi specialistici utili per intraprendere questa professione.

Che cos’è, dove opera e quali sono gli studi specialistici utili legati allo psicologo forense a Foggia

Dalla definizione al percorso di studi, ecco una serie di informazioni su come diventare psicologo forense.

Che cos’è la psicologia forense

Per comprendere il contesto in cui opera lo psicologo forense, dobbiamo capire fino in fondo il campo di studi relativo a questa professione.

Come abbiamo detto, la psicologia forense fa riferimento ai processi psicologici connessi alla dimensione giuridico-forense.

In questo contesto, un ruolo determinante è ricoperto da discipline come il diritto penale e la criminologia, che coadiuvano il lavoro dello psicologo nella comprensione dei casi giudiziari e nella collaborazione con altre figure come magistrati e avvocati.

Perito psicologo forense: lavoro e responsabilità

Lo psicologo forense, per svolgere al meglio la sua attività professionale, deve avere vaste conoscenze circa l’etica, le regole e la prassi giuridica.

Avendo essenzialmente un ruolo di consulente nei processi giudiziari, una minima mancanza di competenze in ambito giuridico può invalidare la sua credibilità e l’effettiva utilità della sua perizia.

Il contributo dello psicologo forense può essere richiesto, nell’ambito di un processo giudiziario civile o penale, dal giudice, dal Magistrato o dall’Avvocato, che rivolgono a questo specialista quesiti utili alla formulazione del giudizio.

Ad esempio, a seconda degli ordinamenti giudiziari, le domande rivolte allo psicologo forense possono fare riferimento non solo alla capacità di intendere e di volere dell’imputato, ma anche a pareri sul trattamento, fattori di pericolosità sociale, rischi di recidiva e attendibilità delle testimonianze.

Tra le competenze specifiche dello psicologo forense, rientra l’attenzione nei confronti di aspetti come:

  • Simulazione di sintomatologie psichiche – In questo caso, lo psicologo forense dovrà essere in grado di comprendere se, effettivamente, l’imputato è affetto da patologie mentali o se sta solo fingendo per eludere gli adempimenti fissati dalla legge;
  • Salute mentale – Lo psicologo forense dovrà determinare se l’imputato era o meno capace di intendere e di volere al momento del reato;
  • Benefici collegati alla pena – In caso di dichiarata infermità mentale da parte dello psicologo forense, l’imputato potrebbe ottenere degli sconti di pena;
  • Pericolosità sociale – Il professionista è chiamato a determinare eventuali rischi di recidive e pericolosità sociale dell’imputato.

La differenza più grande tra lo psicologo clinico e lo psicologo forense risiede proprio nella natura della prestazione. In entrambi i casi, infatti, il colloquio con il soggetto è lo strumento che sta alla base del lavoro. Nel caso dello psicologo clinico, però, lo scopo del colloquio è terapeutico, in quanto è volto a risolvere una problematica specifica di un paziente.

Nel caso dello psicologo forense, il colloquio ha una funzione diversa: egli non deve dare una cura, ma fare una consulenza, una diagnosi. Per questo c’è bisogno di una conoscenza non solo della psicologia, ma anche del contesto culturale legato agli operatori del diritto ed avere forti competenze in ambito processuale.

Contro la devianza – Master in criminologia Unicusano

Se la tua domanda è “come diventare psicologo forense“, possiamo dirti, anzitutto, che questa figura professionale ha un curriculum studiorum di natura psicologica ed è iscritto all’Albo per l’esercizio della professione.

Per affiancare alla preparazione psicologica quella forense, il Master in Criminologia e sicurezza nel mondo contemporaneo dell’Università Niccolò Cusano è la soluzione perfetta.

La didattica, erogata online grazie ad una piattaforma di e-learning, abbraccia tutte le prospettive scientifiche e metodologiche legate al mondo del crimine.

Il Master si focalizza su tutti quegli eventi criminosi che, ad oggi, destano maggior allarme sociale e che rappresentano una sfida per ricercatori ed esperti del settore.

Per ciò che riguarda l’offerta formativa, ecco alcune delle materie di studio del master:

  • Criminologia: aspetti storici, metodologici e comunicativi;
  • Genetica forense e scena del crimine;
  • Neuroscienze applicate alla scena del crimine;
  • Serial Killer, sette e fenomeni di stalking;
  • Sociologia della sicurezza urbana;
  • Gestione dell’ordine pubblico nelle aree urbane;
  • Strategie di contrasto alla corruzione, tecniche e strategie di interrogatorio;
  • Teorie e metodi per l’identificazione della menzogna;
  • Culti distruttivi o abusanti;
  • Terrorismo interno e internazionale;
  • Criminalità informatica.

Le lezioni saranno tenute da professionisti di comprovata esperienza sul campo, che sanno coniugare tesi teoriche ad esperienza pratica sulla base della loro attività nel settore.

Se vuoi ricevere ulteriori informazioni sui nostri Master a Foggia e in tutta Italia, contattaci o chiamaci al numero verde 800.98.73.73.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali