informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Studiare qualcosa che non ci piace: come fare?

Commenti disabilitati su Studiare qualcosa che non ci piace: come fare? Studiare a Foggia

Quando dobbiamo per forza studiare qualcosa che non ci piace accampiamo centinaia di scuse per allontanare in ogni modo la materia tanto detestata. Ma non si può evitare del tutto. Gli esami sono lì, inesorabili e non rimandabili all’infinito, che ti guardano dal libretto universitario con sguardo truce e minaccioso. Cosa intendi fare? Siamo qui per darti qualche consiglio su come affrontare le materie difficili o gli argomenti per cui non provi interesse. Non risolveremo del tutto il problema, non possiamo estirpare il problema alla radice ma possiamo contribuire a rendere meno terribile la tua sessione di studio.

Studiare quando non si ha voglia

fare esami difficiliEsistono diversi tipi di ostacoli che si possono incontrare lungo il percorso universitario. Esami che non ci piacciono, oppure programmi d’esame abbastanza interessanti ma che dobbiamo studiare quando non si ha voglia, magari perché si è stanchi o in un periodo di scarsa motivazione.

Quando si presentano queste due evenienze si è comunque costretti ad assumersi le proprie responsabilità e a studiare, nel bene o nel male.

Per ottimizzare questa esperienza e renderla meno terribile si possono adottare delle strategie, finalizzate ad innalzare l’interesse nei confronti di una materia, o a cambiare punto di vista riguardo. Oppure, semplicemente delle tecniche che rendono lo studio più efficiente, rapido e risolutivo. Vediamo insieme quali possono essere le varie soluzioni.

Circondarsi delle persone giuste

Siamo esseri sociali, facilmente influenzabili, figli di una cultura, appartenenti a diverse comunità Tutti questi legami svolgono una funzione importantissima di supporto e di scambio, ma possono in egual modo modificare negativamente il nostro approccio nei confronti dello studio.
Quest’evenienza si può manifestare soprattutto nei casi in cui le persone che frequentiamo o che ci circondano non mostrano entusiasmo per ciò che facciamo, sono pessimiste e svogliate e riversano gli effetti di questo atteggiamento su di noi.

Se dalle persone intorno a noi non respiriamo un modo di guardare alle cose positivo e costruttivo è abbastanza scontato che anche noi saremo tentati dal lasciarci andare al pessimismo cosmico e vedremo le cose ricoperte da uno strato di bruttezza. L’esame di economia tanto temuto? È un macigno insormontabile, una tortura cinese, una sentenza di morte. Quel manuale di storia della psicologia? Un tomo di maledizioni in aramaico, una preghiera satanica. E tutto ti spinge verso il baratro della negatività, costringendoti a prendere le distanze dai tuoi doveri, ma soprattutto negandoti con forza quel margine di positivo interesse con cui ci si può rivolgere davvero a tutte le cose. In fin dei conti parliamo di università, di formazione, di apprendimento, c’è sempre qualcosa di utile da assimilare.

Fai un rapido check delle persone che frequenti, dei tuoi colleghi universitari e degli amici, e scegli di frequentare e concentrarti soprattutto su coloro che sono disposti a condividere con te un approccio sereno e propositivo allo studio.

Studiare qualcosa che non piace e renderlo interessante

Ok, è vero, un esame non è esattamente una cosa da niente. Pretende e richiede giorni di studio, libri da leggere e sottolineare, focus ed energia mentale da investire in gran quantità. A volte si impiegano settimane a preparare un esame. Ma proprio per questo è indispensabile maturare un atteggiamento capace di rendere la materia interessante e non restare ancorati all’idea che sia semplicemente una palla al piede.

Gli studiosi di psicologia sanno bene che si ottengono numerosi vantaggi nel cercare di trovare il modo per valorizzare ciò che si studia, perché il cervello mobilita pensieri positivi che contribuiscono a:

  • Memorizzare più facilmente
  • Annoiarsi di meno

Capita spesso di imbattersi in persone che non sono capaci di apprendere con rapidità concetti inerenti una materia che non trovano allettante, ma che sono dei campioni nella memorizzazione di numerosi dati e informazioni riguardanti argomenti che hanno maggiormente a cuore. È abbastanza scontato.  Come il fatto che il tempo passato sui libri sembra scorrere più velocemente se lo si trascorre senza frapporre un convincimento dell’inutilità di quanto si sta studiando.

Il parere degli esperti

Se chiedi a qualcuno che odia le materie matematiche quanto è bello studiare per l’esame di Analisi I siamo certi di conoscere già la risposta. Abbiamo già detto prima dell’importanza di circondarsi delle persone con la giusta attitudine. Per studiare quando non si ha voglia si può ricercare la motivazione direttamente da chi ce l’ha in abbondanza.

Fortunatamente i social ci offrono strumenti istantanei, veloci e interattivi, per trovare subito ciò di cui abbiamo bisogno. E sui social (ma non solo) ci sono tante persone che hanno dedicato la loro vita (o buona parte di essa) ad approfondire i temi che suscitano il tuo rifiuto. Strano, eh? Non tutti la pensano come te, c’è anche chi trova super interessante una materia ostica.

Spiegano e comunicano in modi diversi dai tuoi professori, hanno metodi comunicativi freschi e piacevoli, fanno esempi, non annoiano. Concediti un po’ di tempo per ascoltare e farti contagiare da queste persone, fallo pianificando l’ascolto di un podcast o la visione di un documentario. Non lasciar cadere nel dimenticatoio questa eventualità, per concretizzarla puoi programmarla in una data precisa e farla rientrare nella tua organizzazione del piano di studio.

Questo consiglio ci permette di riagganciarci all’ultimo punto fondamentale: l’organizzazione, appunto.

Organizzare lo studio per studiare materie difficili

strategie per studiareSpesso è la confusione e la disorganizzazione a peggiorare la situazione. Quando dobbiamo studiare qualcosa che non ci piace e per giunta non sappiamo da dove iniziare e come fare è normale sentirsi ancora più svogliati e con la voglia di scappare a centinaia di chilometri di distanza da una scrivania piena di libri e di appunti e da giornate che si prospettano dense di impegni sconclusionati senza alcuna percezione di avere almeno un minuto libero per riposare.

Il primo errore, l’errore supremo che tutti commettono è quello di studiare senza pause, di filato. Gli studenti che applicano questa strategia li riconosci dalle occhiaie segnate e dai capelli sparati. La mente di questi studenti è seriamente provata, chiusa in sé stessa, oppure altrove, in qualsiasi altro luogo ma non dove dovrebbe essere: concentrata sui capitoli del libro in programma per l’esame.

Noi siamo fan sfegatati della tecnica del pomodoro e ne abbiamo parlato centinaia di volte. Per non ripeterci evitiamo di farlo un’altra volta ancora ma ribadiamo uno dei concetti fondamentali di questa tecnica di studio: alternare con precisione fasi di studio e di riposo. È molto importante stabilire un tempo per studiare e uno per staccare. Questo stratagemma ha due vantaggi: sapere che ci si deve impegnare per un lasso di tempo limitato contribuisce a motivarci a svolgere l’attività che ci spetta. Della serie “adesso mi metto e studio, tanto tra trenta minuti mi prendo cinque minuti di pausa”. L’altro vantaggio è proprio cognitivo. La mente si concentra a fasi che subiscono dei picchi di attività e inattività. Sarà disposta a concentrarsi, ma dopo un certo tot di tempo è normale che l’attenzione, la capacità di comprensione e di concentrazione calano. Darsi la possibilità di fare una pausa mantiene il ritmo sempre attivo e produttivo, senza farci esaurire tutta la riserva di energia.

Questi erano i nostri suggerimenti, scaturiti dalla nostra esperienza nel campo della formazione e dalla nostra frequentazione di studenti che nel corso della loro carriera universitaria hanno dovuto affrontare momenti difficili e sfide. Ognuno di loro ha trovato le proprie strategie per studiare, fare esami difficili, superare l’ostacolo del disinteresse e della pigrizia nello studio.

Abbiamo attinto dalla loro esperienza. Speriamo che possa esserti utile a vivere al meglio anche i momenti che apparentemente sembrano da evitare.

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – alebloshka

Credits foto 1: Depositphotos.com – pressmaster

Credits foto 2: Depositphotos.com – Wavebreakmedia

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali