informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere la tesi di dottorato: i consigli step by step

Commenti disabilitati su Come scrivere la tesi di dottorato: i consigli step by step Studiare a Foggia

Scrivere la tesi di dottorato può essere l’esperienza più titanica della tua vita. Non tanto per l’esperienza in sé ma per la portata emotiva e l’investimento psicologico con cui coincide. Per molti dottorandi è un momento topico della loro vita. Saperlo gestire passo dopo passo riduce la possibilità di lasciarsi travolgere dallo stress in un momento così delicato. In questa guida vogliamo fornirti suggerimenti utili per intraprendere questa grande sfida senza lasciarsi sopraffare dagli ostacoli.

Come si fa una tesi di dottorato

progetto tesi dottoratoSe sei arrivato a questa fase della tua formazione accademica probabilmente ti sei già fatto abbondantemente le ossa. Hai scritto la tesi del corso di laurea, magari nel frattempo hai frequentato un master, dal quale sei uscito con brillanti risultati. Da questo possiamo dedurre che sia una persona che non si lascia facilmente intimorire o che si abbandona alla pigrizia. Ma c’è un ma. Quell’emotività e quella scarsa capacità di organizzazione che a volte ti fanno perdere il focus. Purtroppo è così, non sempre i successi corrispondono ad una capacità di pianificazione. Chi riesce a raggiungere certi traguardi a volte lo fa con una fatica doppia, perché si lascia travolgere dagli eventi e dalla confusione. Quando si deve scrivere una tesi di dottorato bisogna fare i conti con tutto questo. Spesso lo si fa ad un’età e con una maturità che dovrebbero portare con sé un cambiamento, una crescita e un’evoluzione. Per fare in modo che d’ora in poi la tua vita sia costellata da successi non più carichi di un bagaglio di stress notevole leggi questo articolo su come affrontare la tesi di dottorato al meglio.

Partiamo dalle fasi preliminari, quelle per mettere chiarezza nelle idee e lavorare sulla motivazione e l’organizzazione. Ecco una lista di elementi utili a sviluppare un approccio ottimale:

  • Scegli subito un progetto
  • Approfondisci gli obbiettivi
  • Crea una rete di supporto
  • Sviluppa i tuoi interessi
  • Informati

Il primo suggerimento può essere superfluo. Forse sarebbe più opportuno sottolineare che oltre a scegliere subito il progetto è utile iniziare a scrivere la tesi di dottorato fin da subito, senza aspettare la fine del percorso. Non scrivere tutto, ma almeno prendere appunti e delineare delle bozze su cui tornare nel corso del tempo. Così facendo passerai automaticamente al secondo punto. Gli obbiettivi del progetto di dottorato, muteranno nel tempo, man mano che sviluppi gli interessi che ti hanno condotto a percorrere la strada del dottorato, man mano che ti informi e accresci le tue conoscenze, ampliando il tuo punto di vista.

La collaborazione e la visione delle persone vicine a te durante questo percorso saranno in grado di stimolarti ulteriormente, sia intellettualmente sia nella motivazione e nel supporto emotivo.

Scrivere una tesi di dottorato in pratica

Il paragrafo precedente ha analizzato e dato suggerimenti sulla fase precedente a quella della scrittura. Ma quando arriva il momento di sedersi sulla sedia, davanti alla scrivania e iniziare a scrivere è normale che ci sia un po’ di smarrimento. Dal punto di vista più tecnico ci sono alcuni elementi da prendere in considerazione, anche se alcuni cambiano di facoltà in facoltà.

I passaggi da seguire all’inizio sono:

  • Chiarire l’obiettivo del progetto
  • Scegliere relatori
  • Affinare strategie di ricerca
  • Rispettare i criteri di compilazione

Il tema principale della tua tesi dev’essere chiaro fin da subito. È il nucleo dal quale si espande il resto della trattazione, che può prendere strade diverse solo a patto che ci sia da subito un intento ben preciso, altrimenti si rischia di piombare nella confusione, dire tutto e dire niente al tempo stesso. Tutta la prima fase di scrittura della tesi di dottorato deve vertere sull’argomentazione, dettagliata e trasparente. Una domanda alla quale la tua ricerca risponde.

Come per la tesi di laurea il relatore rappresenta una figura di fondamentale importanza. Il suo compito è quello di sostenerti umanamente, didatticamente, emotivamente. Tra voi è importante che ci sia una forte fiducia reciproca. Lui deve fidarsi del tuo lavoro, interferendo il meno possibile, tu devi seguire le sue indicazioni quando senti che aggiungono spessore e miglioramenti alla tua tesi di dottorato.

Lui stesso ti dirà che è importante il tema che hai scelto. Ma che il dottorato implica anche una dimostrazione e una messa in campo di un metodo di ricerca rigoroso e innovativo. Importa quello che dici e come lo dici, e soprattutto i processi che hai messo a punto per sviluppare un ragionamento congruo e capace di apportare valore aggiunto alla disciplina e al tema specifico che stai trattando.

Per farlo devi anche rispettare le linee guida della facoltà. A livello di scrittura della tesi di dottorato e della stesura in sé sono importanti molte cose, piccole e grandi. Sulla compilazione poni particolare attenzione a:

  • Uso delle fonti bibliografiche
  • Citazioni di opere
  • Inserimento note a piè di pagina e finali
  • Conclusioni
  • Formattazione del testo

Anche in questo caso il relatore, unitamente agli altri docenti della commissione, sono a tua disposizione per fornirti le indicazioni di cui hai bisogno.

Tesi di dottorato: come sopravvivere

Se hai un buon relatore, una buona idea e stai lavorando come ti abbiamo suggerito, fin da subito stai scegliendo una buona strada per non incassare una crisi o un fallimento. Per una buona scrittura di tesi la preparazione è lunga e deve iniziare subito. Per reggere lo stress vale la stessa regola. Fin da subito devi prendere in considerazione e impiegare abilità importanti, come:

  • Flessibilità
  • Buona comunicazione
  • Pianificazione
  • Determinazione
  • Accettazione

scrivere la tesi di dottorato

La flessibilità salva la vita. Anche la moderna psicologia lo conferma. Chi ha capacità di adattamento ai cambiamenti e alle sollecitazioni della vita moderna, senza recepirle con rigidità, vive meglio e senza stress. Anche per te che sei alle prese con il dottorato è importante tenere a mente che non puoi controllare tutto. E che una dose di flessibilità ti aiuta a non bloccarti o disperarti al primo ostacolo, piuttosto a trasformare un limite in risorsa.

Se inoltre hai allentato le tue capacità di comunicazione non avrai problemi ad esporre i tuoi dubbi e perplessità al relatore o altre figure di riferimento. Eventuali ostacoli si affrontano meglio collaborando, senza dare per scontato che si debba riuscire a fare tutto da soli.

Con la pianificazione si riesce a suddividere il lavoro in maniera ottimale e ottimizzata, per gestire piccoli microtask e obiettivi senza farsi prendere dalla fretta che porta alla tanto famigerata confusione. Infine con determinazione ed accettazione si riesce da una parte a perseverare e non gettare la spugna anche nei momenti di sconforto (che poi sono quelli che insegnano di più) dall’altra a comprendere che anche per la scrittura della tesi di dottorato non si può tenere tutto sotto controllo. Sei un essere umano, con limiti e potenzialità, ed entrambi questi elementi fanno parte di te e ti caratterizzano. Facci pace. Nella tesi darai comunque il meglio di te, e questo sarà già un ottimo punto di partenza per fare ancora meglio nel futuro.

Siamo felici di averti dato indicazioni sulla tesi di dottorato, un momento che segnerà la tua vita formativa e professionale. Speriamo che in questi paragrafi ci siano stati spunti di riflessioni sufficienti a convincerti che hai tutte le carte in regola per superare l’impresa ottenendo un ottimo risultato. Ti aspetta un periodo nuovo, in cui aprirai le porte del mondo del lavoro o della ricerca, tocca il traguardo con soddisfazione, te lo sei meritato.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali