informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tipologie di colloquio di lavoro: quali sono e come affrontarle

Commenti disabilitati su Tipologie di colloquio di lavoro: quali sono e come affrontarle Studiare a Foggia

Stai cercando lavoro, sei curioso di sapere quali tipologie di colloquio ti aspettano? In questo articolo vogliamo informarti sulle diverse modalità con cui vengono ricercati i candidati ad una posizione professionale. Conoscerli ti aiuterà ad arrivare preparato e a guadagnare la carriera che desideri.

Il colloquio conoscitivo

primo colloquio di lavoroHai inviato il curriculum, è stato visionato dai recruiter e ti hanno contattato per un colloquio: molto bene! Adesso devi prepararti al grande giorno. Come ben sai la prima impressione è quella che conta. Capita a tutti di arrivare con grande emozione a quel giorno, ma è importante che tu mantenga la lucidità e che sappia dare il meglio di te in quella manciata di minuti.

Il primo colloquio viene appunto chiamato colloquio conoscitivo. Il fine è quello di selezionare soltanto alcuni candidati, per cui se non farai una bella figura ti sarai giocato il posto. Non vogliamo metterti ansia, desideriamo come te che quello sia uno dei giorni migliori degli ultimi anni. Dopo il corso di laurea, il master e i vari aggiornamenti professionali è giunto il momento di guadagnare il successo meritato.

Il referente che ti troverai davanti ti farà alcune domande per inquadrare la tua preparazione e la tua attitudine al lavoro, anche informandosi su esperienze che non riguardano strettamente la sfera professionale come i tuoi hobby, le tue esperienze di volontariato e i tuoi viaggi.

Non sempre viene eseguito un colloquio conoscitivo al fine di assumere una persona. A volte viene fatto per scegliere persone da tenere in considerazione per ampliamenti o eventuali posti vacanti in futuro.

Se superi questa fase potrai essere ricontattato per un secondo e un terzo colloquio. Se ricevi una chiamata per un secondo colloquio significa che l’azienda sta mostrando interesse per te, ma non è ancora il momento di cantare vittoria. In questa occasione potrai incontrare direttamente il responsabile delle risorse umane o un altro dirigente preposto al reparto in cui andrai inserito. Se anche a loro dimostri di essere una persona valida per la posizione sei quasi in dirittura d’arrivo. Qui tieniti pronto a domande più specifiche rispetto alle tue aspettative sul lavoro in questione, lo stipendio e la mole di incarichi da gestire.

Il terzo colloquio non è sempre necessario, ma capita che alcune aziende lo richiedano, soprattutto se stanno cercando un professionista da inserire all’interno di una posizione molto delicata, difficile da sostituire. Di solito è quello definitivo, quindi se sei arrivato fino a qui potrai ben presto brindare.

Altri tipi di colloquio di lavoro

Sì, non esiste solo il colloquio conoscitivo. Ed è bene che tu sia pronto ad affrontare anche modalità sostanzialmente nuove. Ne esistono tanti e non è detto che ti capitino tutti. Di fondo l’obiettivo è sempre lo stesso: valutare le tue competenze e la tua motivazione, comprendere le tue modalità di ragionamento e di lavoro e l’abilità nel gestire la situazione in cui ti troverai se dovessero scegliere te. Tra i principali metodi di colloquio troviamo:

  • Colloquio di gruppo
  • Colloquio telefonico
  • Videochiamata
  • Assessment individuale
  • Test sulle competenze

Vediamo ogni singolo metodo nel dettaglio.

Colloquio di gruppo

Forse è uno dei più imbarazzanti, ma non per tutti. Serve alle aziende per valutare la tua capacità di interazione in un contesto di gruppo e viene scelto spesso per comprendere se uno o più candidati possono lavorare insieme. Se dovrai lavorare all’interno di un team questa tipologia di colloquio è la più probabile e quella che dovrebbe spaventarti di meno se sogni di svolgere una professione che prevede la collaborazione con altre figure.

Di solito si inizia sempre con la presentazione individuale per poi passare a domande in cui è prevista la risposta collettiva del gruppo. In alcuni contesti vengono addirittura proposti giochi di gruppo, per testare le reazioni alle dinamiche di interazione. Non sempre è facile farsi notare in questi contesti di colloquio, ma un atteggiamento aperto e collaborativo sono vincenti, insieme ad un pizzico di doti di leadership che non guasta mai.

Colloquio di lavoro telefonico

Se l’azienda a cui hai inviato il curriculum si trova in un luogo lontano dalla tua residenza, o sei stai tentando di intraprendere la strada del lavoro da remoto come molti free lance fanno, ci sono ottime probabilità che ti contattino per un colloquio telefonico. I primi consigli per affrontare questa situazione al meglio sono di tipo tecnico e logistico:

  • Assicurati di stare in un luogo tranquillo e senza interferenze
  • Prendi appunti sulla conversazione
  • Tieni in curriculum a portata di mano
  • Parla formalmente ma senza eccessi di cortesia

Anche per quanto riguarda la voce vale la regola della prima impressione. Scandisci bene le parole, non parlare con il fiatone e smetti di fare qualsiasi altra cosa. Il fatto che tu stia al telefono non significa che questo non è un momento cruciale.

Videochiamata per colloquio di lavoro

Grazie ad internet e alla possibilità di connettersi tramite videocamera in qualsiasi luogo è possibile partecipare ad un colloquio di lavoro in videochiamata. I programmi utilizzati sono Skype, FaceTime e Jitsi (che permette videochat direttamente da browser senza installazione e registrazione). Anche in questo caso, come per il colloquio precedente, assicurati di avere una buona connessione, un microfono e una videocamera funzionante. Scegli una stanza ben illuminata, possibilmente sullo sfondo della parete dietro di te non dovrebbe esserci niente. Vanno bene librerie e quadri, ma meglio evitare il lavabo della cucina, i poster dei centri sociali o altre cose appese a caso. Devi suscitare una sensazione di professionalità fin da subito. Anche se filtrata dallo schermo la tua immagine sarà nitida, presentati al meglio della tua forma fisica e ben vestito.

Spesso questo colloquio viene richiesto per lavori nell’area informatica e della comunicazione digitale, mostrare la tua alfabetizzazione informatica e la tua capacità di usare la tecnologia ti farà acquisire punti. Se già alla proposta di una videochiamata hai risposto che non sapevi cosa fosse Skype, bè, probabilmente non hai buone probabilità di passare.

Assessment individuale

esempio colloquio di lavoroQueste parole non ti dicono molto, forse non è molto utilizzato in Italia. Si tratta di una vera e propria metodologia di conduzione del colloquio, simile (purtroppo) ad un interrogatorio. Se rispondi bene a tutte le domande la posizione è tua. Le domande sono poste per indagare in profondità su di te, e sono molte di più di quelle di un colloquio conoscitivo classico e la sua durata è molto variabile e lunga. Può arrivare a durare due giorni, in cui ti verranno sottoposti test e quesiti sulle capacità professionali ma anche sulla tua psicologia. Anche i lavori di gruppo possono rientrare nell’assessment individuale. Dovrai svolgere alcuni compiti, osservato da diverse persone a cui spetta il compito di valutarti. Sì, è particolarmente ansiogeno, ma spesso viene proposto per posizioni di altissimo livello, quindi se lo superi congratulazioni!

Test sulle competenze e abilità

Questo è l’ultimo esempio di colloquio di lavoro di cui ti vogliamo parlare, ma già la definizione dice molto sulle modalità. I test abbinati ai colloqui sono in costante crescita, i recruiter ne fanno attualmente largo uso e sono utilizzati soprattutto per individuare professionisti in ambito gestionale. Il vantaggio è che i test sono in grado di rilevare molti aspetti della psicologia, delle competenze e della capacità di ragionamento logico del candidato. Anche se viene meno la dimensione verbale è un’ottima occasione per evitare l’imbarazzo del faccia e faccia

Ora che ti sei fatto un’idea dei vari colloqui che ti possono capitare sei pronto per affrontare l’entusiasmante sfida. In bocca al lupo!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali