informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Analisi critica di un testo letterario: cos’è e come si fa

L’analisi critica di un testo letterario è un’impresa meravigliosa. Tutti gli studenti di facoltà umanistiche e di altri corsi di laurea in cui si incontra un esame in cui è prevista l’analisi del testo sono rimasti affascinati. Entrare tra le trame di una narrazione e carpirne i segreti offre un punto di vista unico e speciale. Leggi questo articolo per scoprire come apprendere a leggere tra le righe di un testo.

Analisi del testo: perché è importante

La letteratura non è un insieme di storie sconclusionate. Dietro ogni storia c’è un mondo fatto di immaginazione, ma anche di tecnica, stile, forma e attenzione al dettaglio. Sono molti gli elementi che compongono un testo e saperli riconoscere dà anche una certa soddisfazione.

Anche se il tuo sogno non è quello di fare il critico letterario ti può comunque capitare di dover intraprendere questo esercizio per un esame universitario o qualsiasi altra prova formativa.

Non ci sono delle regole ben precise da seguire ma piuttosto un metodo da individuare e da perseguire. Nel dettaglio anali

zzeremo questi vari elementi, tra cui:

  • La tipologia di testo
  • Il titolo
  • La struttura
  • I temi
  • Lo stile

Qui non abbiamo elencato tutti i punti principali che si analizzano per una lettura critica di un testo. Ma nei prossimi paragrafi li analizzeremo con attenzione per ricavare la traccia utile al nostro scopo.

Analisi del tipo di testo

analisi di un testo in prosa

La tipologia, anche definita categoria o genere, modifica il modo in cui guardiamo il testo. Possiamo trovarci di fronte:

  • Poesia
  • Autobiografia
  • Romanzo
  • Racconto

 

Le forme cambiano nella modalità di scrittura ma anche di fruizione del testo. Un romanzo non è un genere letterario ma una tipologia di testo costituito da un determinato numero di battute e dall’utilizzo delle tecniche narratologiche, che lo distinguono all’autobiografia o biografia. Queste ultime due forme sono appartenenti ad un discorso più realistico e non basato sulla fiction, l’immaginazione che porta un autore a tessere le trame di una storia inventata.

Anche la poesia merita un discorso a parte. I singoli versi messi insieme non danno come risultato la somma delle parti. In altre parole: la poesia è complessa. La sua brevità nasconde significati profondi e molto spesso capita che per analizzare una poesia servano molte più parole di quelle utilizzate per scriverla.

Le domande che ci si deve porre in questa fase sono le seguenti:

  • Che tipo di testo ho di fronte?
  • A che genere appartiene?
  • Quale stile lo contraddistingue?

Analizzare il testo letterario partendo dal titolo

Non ci crederai, ma anche quelle poche parole messe al principio di tutto possono avere molto da dire. Il titolo è il cuore del messaggio narrativo. Gli autori impiegano molto tempo prima di sceglierne uno davvero calzante. Inoltre il titolo cambia nel tempo, capita di pubblicare un libro con un determinato titolo e poi di pubblicarlo a distanza di anni con uno completamente nuovo.

Insomma, la prima impressione per il lettore passa dal titolo. Ecco cosa può aiutarci a capire:

  • Il contenuto del testo
  • Il protagonista della narrazione
  • Le ambientazioni
  • Le tematiche trattate

Insomma, non si tratta di un dettaglio trascurabile. Ogni scheda di lettura che si rispetti deve avere il campo dedicato a questa preziosa informazione.

Come analizzare la struttura di un testo

La struttura sta ovunque, nella poesia, nella letteratura, anche nella saggistica. Ogni libro che si rispetti ha una sua logica interna, di cui possiamo avere un primo assaggio scorrendo l’indice o il sommario.

Parlando di poesia possiamo individuare la struttura che caratterizza un singolo componimento studiando di quante strofe è composta, mentre per il romanzo faremo attenzione ai capitoli ed eventuali sottocapitoli. Dietro queste scelte c’è un messaggio ben preciso che l’autore ha voluto lasciare, sta a te scoprirlo ponendoti le giuste domande. Leggendo tra gli spazi puoi scoprire:

  • La successione temporale
  • Diversi punti di vista
  • Cambio di registro

È importante ribadire un concetto che sta a cuore a molti critici letterari. La narrativa e tutti i testi letterari in generale custodiscono una storia. Non è importante soltanto quello che viene raccontato ma anche come. Le modalità scelte dagli scrittori o dai poeti vanno attentamente indagate.
Fai caso non solo a come si succedono le varie parti di un testo, ma anche ai nessi che intercorrono tra esse. Tutto nel testo è legato da un filo sottile, una rete fitta di connessioni che legano parole, frasi e concetti, anche grazie al modo in cui vengono organizzati.

Il tempo all’interno del testo

Il tempo è una questione che meriterebbe un articolo e una guida a parte. Al tempo in letteratura è stato dedicato tantissimo spazio, sul tema esistono:

  • Romanzi
  • Racconti
  • Antologie
  • Saggi

Non solo ci sono romanzi che del senso del tempo hanno fatto il proprio sfondo e messaggio centrale, ma ci sono anche moltissimi studi su come nel tempo si è trasformato il concetto di tempo nella letteratura e il modo di trasferirlo su carta. Per approfondire meglio il tema possiamo brevemente tratteggiare i vari elementi narrativi legati al tempo:

  • Contesto
  • Tema
  • Sistema verbale
  • Velocità

Per entrare nel vivo possiamo vederli uno ad uno. Il contesto storico di un romanzo, l’epoca in cui è ambientato corrisponde al primo punto.
Il tema del tempo, come abbiamo visto, può essere trattato in diversi modi, ad esempio parlando dell’arco di trasformazione del personaggio nell’arco della sua vita, o del tempo che passa in una cittadina di provincia e di come si trasformare nel corso degli anni.

Il sistema verbale è legato al fattore tempo nel suo aspetto più tecnico e di linguaggio. I tempi verbali utilizzati nella scrittura di una storia o di una poesia pongono questione e trasmettono concetti ed emozioni diverse a seconda di quelli che vengono scelti.

La velocità è un aspetto interessante da studiare, anche se a qualcuno risulta difficile da comprendere. Per avere un quadro preciso rispetto a questo elemento prova a rispondere a questa domanda: la storia si svolge in maniera più o meno veloce rispetto all’arco di tempo in cui è ambientata?

Hai visto quanto è importante questo aspetto? Dedica una buona parte della tua analisi del testo a queste riflessioni, sono molto importanti per la comprensione.

Tema e stile nell’analisi di un testo letterario

Sono due concetti che non sempre si possono analizzare insieme. Ma in parte sono complementari. Entrambi sono cruciali per comprendere il senso di un’opera. Il tema è dentro la storia in modo sottile. Se la narrazione racconta la storia di due personaggi che vivono in una grande città americana i temi possono essere diversi:

  • L’amore tra i personaggi
  • La storia della città
  • I conflitti etnici

critica letteraria

Quello che connota maggiormente il testo, a livello di atmosfera e di valori di riferimento, diventa il tema. Così può capitare che non sia soltanto uno, ma che siano diversi e abilmente intrecciati tra loro. Questo è un aspetto molto affascinante della letteratura: saper comunicare un messaggio attraverso una storia. All’apparenza può sembrare difficile cogliere il senso, perché nelle vite dei protagonisti ci immedesimiamo facilmente. Ma riflettendoci ci accorgiamo che quello che leggiamo ci ha trasmesso un nucleo di emozioni, sentimenti, questioni politiche e sociali che erano dietro le parole, come se l’autore le avesse nascoste. Se hai letto con attenzione e hai dedicato all’analisi del testo un buon tempo avrai sicuramente una serie di intuizioni molto interessanti da scrivere sulla tua scheda di lettura.

L’analisi di un testo letterario merita di essere un esercizio da ripetere con frequenza e costanza perché allena la mente alle storie. E dentro le narrazioni c’è un mondo da scoprire, che ci racconta di vite che non sono le nostre e da cui possiamo apprendere tanto, sviluppando empatia, immaginazione e intelligenza emotiva.

Commenti disabilitati su Analisi critica di un testo letterario: cos’è e come si fa Studiare a Foggia

Read more

Diritti civili e politici: ecco quali sono

I diritti civili e politici di un individuo o di un’organizzazione rientrano nella grande categoria dei diritti umani. Non stiamo parlando solo di giurisprudenza in senso stretto, ma anche di etica, filosofia e antropologia. Ogni essere umano possiede dei diritti inalienabili, la politica ha come dovere quello di promuovere il rispetto di tali diritti, di garantirli ad ogni modo. Ma quali sono? Scopriamolo insieme.

Diritti civili e diritti umani

I diritti civili sono i primi diritti umani ad essere stati affermati. Essi tutelano e stabiliscono il rispetto delle libertà individuali. La stessa Organizzazione delle Nazioni Unite ha stabilito che gli essere umani hanno due tipi di bisogni fondamentali:

  • Fisici
  • Psicologici

Nei primi rientrano le questioni relative alla cura dei bisogni primari, come fame, sete, riparo, etc., mentre nei secondi rientrano l’amore, l’autonomia, l’apprendimento e altre esigenze la cui privazione può portare la persona a condizione di forte disagio.

La lunga riflessione in merito ha condotto i teorici a individuare quattro caratteristiche dei diritti umani, che pertanto sono:

  • Naturali
  • Indivisibili
  • Universali
  • Inalienabili

Naturali perché è una condizione di natura che appartiene a qualunque individuo, non possono essere ceduti né concessi, ma sono innati.

Universali perché non si applicano con distinzione di sesso, etnia, religione, appartenenza sociale. Tutte le persone li possiedono, senza eccezioni.

Indivisibili perché non possono essere separati l’uno dall’altro. La tutela o la violazione di uno compromette anche gli altri.

Inalienabili perché non può sorgere alcun caso in cui essi vengano eliminati o limitati, né per decisione di uno stato né per volere di un individuo su un altro.

Le generazioni dei diritti umani

La giurisprudenza e il diritto hanno a lungo studiato l’evoluzione dell’affermazione delle libertà e dei diritti umani. Il percorso nei secoli ha visto i diritti crescere ed evolvere, partendo dai diritti civili, che come abbiamo già detto sono stati i primi ad essere riconosciuti. Per questo motivo vengono chiamati di prima generazione. Ecco come sono suddivisi i diritti nelle diverse generazioni:

  • Diritti di prima generazione
  • Diritti di seconda generazione
  • Diritti di terza generazione

dichiarazione dei diritti dell'uomo

I diritti civili, di prima generazione, sono riconosciuti dalle Dichiarazioni delle Nazioni Unite e dalle costituzioni. In essi vengono confermate le libertà individuali, ad esempio:

  • Libertà di pensiero
  • Libertà di coscienza
  • Libertà di matrimonio
  • Libertà a riunirsi pacificamente

Vengono anche definiti come diritti negativi, perché pongono delle regole alle possibilità di intervento dello stato e all’esercitazione del potere politico. Tali diritti sono stati conquistati con le prime rivoluzioni dell’età moderna.

I diritti di seconda generazione sono economici, sociali e culturali. Anche in questo caso le Nazioni Unite hanno sostenuto ed emesso documenti ufficiali per il riconoscimento, in cui si stabilisce che ogni persona ha diritto a:

  • Istruzione
  • Sicurezza sociale
  • Giusta retribuzione per il lavoro
  • Adesione sindacale
  • Garanzia di salute e benessere

Contrariamente a quelli di prima generazione sono definiti positivi, perché solo con l’intervento delle istituzioni pubbliche è possibile rispettarti e metterli in pratica concretamente. L’ottenimento di questi diritti è dovuto ad un movimento internazionale iniziato nel XIX secolo, caratterizzato da forti lotte operaie e sindacali.

I diritti di terza generazione sono detti di solidarietà, garantiscono il diritto a:

  • autodeterminazione dei popoli
  • pace
  • salute
  • sviluppo
  • ambiente non inquinato

Tutte e tre le generazioni di diritti sono proclamati con impegno dall’Onu nel documento più importante di questo tipo di giurisprudenza: la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948. La data ci permette di collocare questo evento alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando l’umanità era affranta dalle barbarie e dalla lesione profonda delle dignità dell’individuo.

In quell’epoca feroce le Nazioni Unite riportarono l’attenzione sui valori umani e sul rispetto della persona, stabilendo una volta per tutta che ogni essere umano possiede dei diritti, nella speranza che questi non venissero nuovamente calpestati.

Diritti civili e diritti politici

Come abbiamo visto i diritti politici sono parte integrante dei diritti civili. Essi prevedono che ogni cittadino può:

  • partecipare attivamente alla vita politica
  • avere diritto di voto
  • partecipazione alle decisioni pubbliche

Sono legati al concetto di sovranità popolare e di autogoverno del popolo. Ogni stato ha provveduto autonomamente a redigere leggi specifiche per la tutela di questi principi. In Italia la fonte di diritto che abbraccia questo argomento è la Costituzione, precisamente negli articoli dal 48 al 51, in cui sono indicate le forme e i limiti dei diritti politici, ossia:

  • referendum
  • diritto di petizione
  • accesso libero agli uffici pubblici
  • elettorato passivo
  • elettorato attivo
  • libera organizzazione in partiti

Il possesso di tali diritti è intrinsecamente legato al concetto di cittadinanza. E qui facciamo un piccolo salto nella giurisprudenza, citando il tradizionale principio dello status activae civitatis, che sanciva in epoca ben più lontana che i cittadini avevano accesso ai diritti politici. La maggiore età è il momento di acquisizione in Italia, mentre vi sono diversi casi in cui possono essere sospesi o persi, ad esempio:

  • infermità mentale
  • condanna per gravi reati
  • fallimento
  • misure di prevenzione o libertà vigilata

La costituzione Italiana e i diritti civili

Parlando di uno dei nostri documenti di diritto più rilevanti non possiamo fare accenno ai principi in esso contenuti, tra cui:

  • principio personalista
  • principio di eguaglianza

Il primo sostiene la garanzia dei diritti inviolabili della persona, per tutti i cittadini.

patto internazionale sui diritti civili

Il secondo assicura l’uguaglianza giuridica di tutti i cittadini. Sono due principi fondamentali che costituiscono il nucleo profondo dei diritti civili e che l’Italia ha abbracciato in seguito alla Dichiarazione Onu del 1948.

Secondo e terzo articolo della costituzione si concentrano proprio su questi temi. Il secondo articolo nello specifico tutela le libertà della persona. Perché è così importante ribadirlo? Perché in questo passaggio emerge quanto sia importante per l’individuo essere riconosciuto come facente parte di un insieme di relazioni in cui può crescere ed evolvere, nel rispetto della sua unicità.

Possiamo sottolineare come un’altra volta influisce il periodo storico. I costituenti uscivano dall’esperienza della dittatura fascista, avevano visto con i loro occhi la sospensione più drammatica delle libertà fondamentali, alcuni l’avevano vissuta sulla propria pelle.

Le istituzioni di tutale dei diritti civili

Abbiamo citato più volte le Nazioni Unite, principale organo internazionale per la tutela dei diritti umani. Il suo scopo è proprio quello di sostenere e di difendere tutti i diritti di cui abbiamo parlato.

Quella che un tempo era conosciuta precisamente come Commissione per i diritti umani adesso prende il nome di Consiglio dal 2006.

Tutti gli stati membri sono sottoposti a controllo, per verificare il rispetto o meno delle leggi e dei principi fondamentali. Il Consiglio può avviare anche delle misure disciplinari speciali per intervenire su casi di violazione. Tali azioni non erano consentite alla Commissione.

Nei casi in cui si verifichino le circostanze viene inviato un grippo di esperti che concretamente effettua valutazioni sul posto per poi riferire al Consiglio.

Queste procedure speciali vengono avviate in seguito a richieste o segnalazioni di organizzazioni impegnate nella cooperazione internazionale o di stati membri che ottengono la maggioranza di consensi sui 47 membri facenti parte dell’assemblea.

La difesa dei diritti umani è una disciplina costantemente sotto gli occhi dei riflettori. Nonostante gli sforzi congiunti di molti stati permangono situazioni critiche disastrose. Quanto accade nelle zone di guerra non è ammissibile e prevarica qualsiasi senso di civiltà. Studiare giurisprudenza, fare un master per indagare la storia del diritto legato ai valori della persona può essere il punto di partenza verso una nuova consapevolezza.

Commenti disabilitati su Diritti civili e politici: ecco quali sono Studiare a Foggia

Read more

Come modificare pdf online: risorse e strumenti utili

Se sei uno studente modificare pdf on line è un’azione che spesso hai bisogno di compiere per intervenire sulle dispense del tuo corso di laurea. In realtà può essere un’esigenza percepita da moltissime persone. Ormai i Portable Document Format sono tra i formati di file più diffusi. La loro velocità di invio e la comodità di lettura li rende estremamente utili. Ma cosa fare quando si devo modificare un testo, magari per ingrandire i caratteri o cambiare una frase? Ti rispondiamo con questa guida, ecco qui.

Creare modifiche ad un file PDF on line

come modificare pdf in wordPer accedere a questi servizi è sufficiente avere un pc con una connessione internet. Insomma, due cose davvero facili da procurarsi? È difficile trovare qualcuno che ne sia sprovvisto. Non ti servirà neanche un investimento economico. Molti di questi tool di modifica e conversione pdf sono totalmente gratuiti, prevedono un accesso previa registrazione ma nessun pagamento.

E allora tieniti pronto a scaricare, presto potrai intervenire sul documento pdf come preferisci.

Ecco la lista dei programmi on line adatti a questo scopo.

PDFescape

Partiamo con questo elenco indicandoti un tool davvero ottimale per effettuare modifiche ai file pdf caricati sul tuo pc o su altri supporti. Ti basterà connetterti a internet per accedere al servizio e fare editing dei documenti direttamente on line. Non ti servirà grande esperienza nel campo dell’informatica per imparare fin da subito ad utilizzare le funzioni più utili.
La Home Page ti mostra fin da subito i comandi principali:

  • Edit your PDF
  • Upload PDF to PDFescape
  • Sfoglia e scegli file
  • Upload

Di fronte a te troverai tre differenti sezioni per modificare il pdf caricato. La prima è chiamata Insert: per aggiungere elementi e arricchire il file con altri dettagli, ad esempio:

  • Testi
  • Immagini e disegni
  • Testi aggiuntivi

Nella sezione Annotate ci sono tutti gli strumenti che possono servire per prendere nota, come gli evidenziatori e le annotazioni.
Conclude l’insieme delle tre sezioni quella contrassegnata dal nome Page, molto utile se vuoi ruotare le pagine che sono state scannerizzate e convertite in pdf senza il giusto orientamento di lettura, oppure per tagliare e cancellare intere parti o pagine.

L’icona verde con la freccia che si trova posta su una barra nel lato sinistro della pagina serve per finalizzare il processo e scaricare il file pdf modificato on line direttamente sul tuo computer.

Potrai successivamente inviarlo tramite mail oppure caricarlo su una pennetta USB e portarlo con te. Una grande comodità, non trovi?

Small PDF

scrivere su pdf on lineUn paragrafo un po’ più lungo lo dedichiamo a questo fantastico web tool che nasce proprio per rispondere alle esigenze di tutti coloro che ogni giorno inviano e ricevono PDF, ma che hanno bisogno di cambiare sempre qualcosa per ottimizzarlo.

Con questo semplice quanto intuitivo programma ci si può fare qualsiasi cosa. Per iniziare ti indichiamo quali sono le azioni preferite dagli utenti che scelgono questo sito:

  • Unire documenti pdf
  • Convertire pdf in altri formati
  • Dividere un file in più file
  • Sbloccare documenti PDF protetti
  • Comprimere i file PDF

Proprio a proposito di quest’ultimo punto, possiamo affermare che si tratta di una bella comodità. Un esempio? Quando ti viene richiesto l’invio di un portfolio allegato al curriculum sudi freddo perché sai che il tuo portfolio da grafico impiegherà una vita ad essere allegato? Ecco, ridurlo significa poter stare sereni, non ci vorranno dodici lune prima di inviare la tua mail con il tuo materiale. Basta accedere a SmallPDF e comprimerlo.

Un’altra funzionalità molto interessante è la conversione. Il PDF ha proprio tra i suoi tratti distintivi l’estrema flessibilità e versatilità, viene inviato e ricevuto su qualsiasi supporto, visualizzato in breve tempo e senza sforzo da ogni genere di dispositivo e sistema operativo. Quindi se si possiede un file di diversa estensione è normale che si pensi di convertirlo in pdf. Ecco quali file possono essere convertiti su questo sito:

  • Word
  • Excel
  • PowerPoint
  • JPG

Si direbbe che si tratta davvero di un programma capace di venire in aiuto di molti di noi che si ritrovano alle prese con documenti che cambiano aspetto a seconda del programma con cui vengono aperti. Adesso basta modificare il file in pdf e non c’è bisogno di temere cattive sorprese.

Quando ti sarai connesso al sito troverai nella pagina principale troverai uno spazio di caricamento del file. Puoi farlo direttamente con la funzione drag&drop, ossia direttamente con il trascinamento del mouse. In alternativa puoi anche selezionarlo dalla cartella dove lo hai precedentemente salvato, basta schiacciare sulla voce Scegli File e selezionarlo. Per chi invece ha ormai salvato tutti i suoi documenti in cloud e possiede account DropBox e Google Drive esiste la terza opzione: premere sulle icone, cercare il file in funzione e modificarlo, da qualsiasi computer.

Al termine del caricamento si possono compiere tutte le azioni di cui abbiamo parlato, e anche molto di più. Qualche minuto di esplorazione del sito ti permetterà di avere un quadro più preciso di tutte le funzionalità presenti.
Quando le modifiche al pdf on line ti hanno del tutto soddisfatto puoi scegliere di:

  • Salvare il file sul pc
  • Salvare il file su cloud

Ti è stato di grande aiuto, non è vero? Siamo certi che SmallPDF finirà dritto dritto nella lista preferiti del tuo browser.

DocHub

È arrivato il momento di parlarti di DocHub, ultimo ma assolutamente non da meno rispetto agli altri due.

Sbizzarrisciti quanto vuoi per intervenire sul file pdf e renderlo a tua immagine e somiglianza. Molto spesso ti sei chiesto come fare per ottenere un file che rispondesse alle caratteristiche da te rischieste. C’era sempre una pagina di troppo, oppure ti veniva in mente che quella pagina di quell’altro documento sarebbe stato perfetto inserirla. Sì, ma come fare?

Ecco la risposta è una parola: DocHub. Vuoi sapere quante cose fa?

  • Aggiunge testi personalizzati
  • Aggiunge la firma
  • Ruota le pagine
  • Rimuove le pagine di troppo
  • Evidenzia porzioni di testo

Tutto questo senza sborsare un centesimo, è completamente gratuito. Il sito è facilmente raggiungibile da qualsiasi browser. Puoi accedere con due modalità di registrazione:

  • Inserendo il tuo indirizzo mail
  • Accedendo tramite account Google Drive o DropBox

Tramite quest’ultimo procedimento puoi avere subito a disposizione i file eventualmente salvati sullo spazio in cloud e modificare il pdf on line ovunque, in qualsiasi momento, senza bisogno di pennette usb o memorie esterne ed interne.

Ora ti spieghiamo come funziona. Non ci vuole una laurea in Ingegneria, fortunatamente si tratta di un servizio semplicissimo. Il pulsante di caricamento è contraddistinto con il simbolo + in alto a destra. Da qui si accede alla funzione Import New Document, ecco come proseguire per portare a termine l’azione di modifica pdf on line:

  • Clicca sul bottone Computer (o scegli su Google e Dropbox)
  • Carica il pdf
  • Clicca su Create a document
  • Modifica il pdf

Ti illustriamo un po’ meglio quali funzioni di modifica puoi utilizzare. Cliccando sull’icona A puoi aggiungere scritte e stringhe di testo, mentre con l’evidenziatore selezioni e dai risalto ad alcune frasi segnandone il contenuto liberamente. Come puoi notare è abbastanza intuitivo, assomiglia all’editor dei principali programmi di scrittura. Ecco altre funzioni in breve:

  • Strumento matita: disegno sul foglio
  • Strumento foto: inserimento immagini
  • Stumento sign: aggiungi firma

E molto altro ancora, come modificare l’ordine delle pagine, oppure cancellare e ruotare come ti abbiamo precedentemente anticipato. Una cassetta degli attrezzi per gestire i pdf e renderli documenti ottimali in qualsiasi contesto.Ci auguriamo che questi tool di modifica pdf su internet possano diventare dei validi aiutanti nel momento del bisogno. Con loro potrai davvero fare ciò che desideri con qualsiasi documento, personalizzandolo e utilizzandolo al meglio.

Commenti disabilitati su Come modificare pdf online: risorse e strumenti utili Studiare a Foggia

Read more

Diagramma a blocchi: che cos’è e a cosa serve

Nel corso degli anni universitari – vuoi per riuscire ad avere un quadro più organizzato di una materia di studio, vuoi per presentare in maniera ordinata una relazione conclusiva – è utile fare affidamento sull’utilizzo di un diagramma a blocchi. Proprio per questo lo staff della Unicusano di Foggia ha interesse nel fornire tutte le specifiche su che cosa sia questo tipo di diagramma e in quali contesti può essere utilizzato con efficacia.
Diagramma di flusso
Infatti quando si parla di riassunti o mappe concettuali, non si può prescindere dall’usare degli schemi che aiutino ad organizzare al meglio le informazioni sia appannaggio di chi sta studiando sia, al tempo stesso, di chi dovrà “leggere” queste informazioni.

Un esempio lampante è quello della presentazione della tesi di laurea quando i laureandi dovranno presentare in maniera chiara il loro lavoro ad una commissione dove saranno presenti anche docenti non esperti nella materia di riferimento. L’utilizzo di diagrammi a blocchi è uno dei modi per articolare chiaramente una presentazione, rendendola fruibile a tutti. Come? L’utilità principale è quella di vedere come si “legano” i vari concetti e quali sono le tematiche chiave del lavoro di tesi.

Lo studente che presenterà un buon lavoro – in questo senso – riceverà senza dubbio il plauso della commissione. Infatti, una capacità dimostrata di organizzazione e pianificazione delle informazioni sarà certamente apprezzata.

Ovviamente utilizzare degli schemi a blocchi non serve solo ai fini della tesi di laurea ma anche nella quotidiana vita universitaria. Il concetto base, però, è il medesimo: l’organizzazione delle informazioni riesce a rendere più fluido lo studio e a sostenere la memoria visiva al momento dell’esame o di una verifica finale: avendo presente lo schema il cervello riuscirà a fare con più velocità quei collegamenti tra concetti (o anche multidisciplinari) che riusciranno ad impressionare favorevolmente il docente.

Se siete interessati all’argomento, continuate a leggere…

Diagramma di flusso: ecco come crearli

L’utilizzo di questi diagrammi a blocchi o di flusso prende il via dall’informatica per poi arrivare ad essere utilizzati in tutte le materia. Per la precisione (se vogliamo darne una definizione precisa) questi diagrammi consentono di rappresentare in maniera semplificata, sotto forma di schema, un concetto o un’idea più complessa.

Questo, come già accennato, può essere utile per studiare ma anche per esporre al pubblico un proprio progetto. Proprio per questo l’interesse verso la costruzione di diagrammi di flusso è davvero ampia tanto da aver spinto lo staff della Università Niccolò Cusano di Foggia a fornirne una dimostrazione step by step.

Ecco quindi, come organizzarsi…

Come prima cosa occorre avere ben chiaro nella propria mente l’algoritmo che si vuole schematizzare. Proprio così; anche le materie che a primo acchito non hanno niente a che fare con le scienze spesso nascondono una serie di collegamenti precisi tra i vari fatti, tanto che – se ne saltasse uno – il continuum logico e temporale salterebbe.

Ecco perché qualsiasi materia può essere considerata come una successione di eventi legati da un filo conduttore. Proprio per questo occorre sapere come organizzare uno schema concettuale.
flow chart
L’uso di un opportuno diagramma di flusso consente di rappresentare graficamente un qualsiasi algoritmo. Le condizioni sono che la lista degli eventi e delle istruzioni sia finita e che sia ordinata.

Esistono, per praticità e facilitare la comprensione, tre tipologie di blocchi elementari: i blocchi ovali per inizio e fine, blocchi rettangolari per istruzioni o comandi ma anche per presentazione di dati o risultati, blocchi romboidali per porre domande o visionare eventi scaturiti in seguito a due possibilità presentatisi.

Vi ricordiamo, comunque, che è necessario utilizzare sempre degli accorgimenti pratici: box della stessa forma identificano concetti simili o in qualche modo in relazione tra loro così come frecce di colore o forma diversa indicano diversi tipi di relazione. È fondamentale ricordare questo al fine di costruire diagrammi a cui si potrà accedere anche a distanza di tempo senza “perdere” nessuna delle informazioni contenute e che potrebbero essere condivisi e compresi anche da altre persone senza alcuna spiegazione.

App per flow chart: ecco quali utilizzare

Per creare flow chart in maniera facile, è possibile fare affidamento su alcune app e programmi per computer, vediamone alcuni…

In questo modo ci saranno delle procedure guidate che consentiranno di creare il proprio schema concettuale in poche e facili mosse, arrivando poi a poter salvare lo schema in vari formati o anche a condividerlo.

Draw.io

Draw.io è sicuramente lo strumento online più completo che mette a disposizione tantissime funzioni gratuitamente. In particolare è possibile salvare i file in Google Drive, Dropbox, Microsoft Onedrive o anche sul PC utilizzato e fornisce molti modelli e templates tra cui scegliere per non partire da zero a costruire un flow chart o una mappa.

Wireflow

Wireflow (maggiori informazioni cliccando qui) è uni strumento online gratuito per creare diagrammi di flusso di ogni genere.

Si tratta di un sito moderno, molto facile da usare e intuitivo al massimo, che funziona anche come app collaborativa per lavorare con altre persone sullo stesso progetto – ed è per questo utile all’università.

Creately

Si tratta di un servizio online che permette di creare con pochi clic del mouse diagrammi di flusso e mappe concettuali. Il sito web consente di creare diagrammi a piacimento utilizzando tra una vasta serie di forme geometriche disponibili nelle quali è possibile inserire un testo.

Per avere maggiori informazioni, cliccate su questo link.

Lucid Chart

Si tratta di un sito gratuito che – previa registrazione – consente di salvare diagrammi e grafici come file PNG, JPG, PDF o SVG ed anche di collegare file di dati, il tutto con un’interfaccia chiara e precisa.

Per saperne di più ecco il link diretto.

Diagram Designer

Un programma facile ed intuitivo con cui disegnare diagrammi ben fatti è sicuramente Diagram Designer. Questo software, infatti, consente a tutti di creare diagrammi con blocchi di varie forme, inserendo all’interno di esse un testo a piacere. Provando e riprovando si riuscirà – senza uno studio eccessivo –  a creare diagrammi efficaci di cui si finirà di non poter far più a meno.

Bubblus

È un’applicazione online che può essere usata direttamente dal browser grazie alla quale è possibile creare, bolla dopo bolla, dei diagrammi composti da diversi colori e formattazione del testo.

Il progetto si può poi salvare come file immagine o file html. Altro info?  Ecco il link diretto al sito.

Cacoo

Un altro servizio che è possibile utilizzare (stavolta sul web, senza dover scaricare nessun software) è Cacoo.  Questo consente di creare un diagramma di flusso direttamente su Internet, modificarlo e condividerlo con gli altri in maniera estremamente facile e veloce.

Ed è proprio la condivisione a rendere Cacoo un servizio di collaborazione ed inclusione: le mappe concettuali, infatti, possono diventare appannaggio di tutti e facilitare lo studio o la spiegazione. Non è raro, ad esempio, che siano gli stessi docenti a condividere con gli studenti questi diagrammi.

Questi software o siti web consigliati non sono, comunque, l’unico modo per realizzare mappe concettuali: un altro modo efficace è quello di utilizzare strumenti alla portata di tutti come Microsoft Excel o Word o anche con Disegni di Google in Google Docs. In questo caso si potrà dar libero sfogo alle proprie volontà senza rimanere dentro schemi prefissati.

Avete tutto chiaro? Siete pronti per iniziare a schematizzare ogni vostro progetto? Vi assicuriamo che non tornerete più indietro!

Commenti disabilitati su Diagramma a blocchi: che cos’è e a cosa serve Studiare a Foggia

Read more

Teorema dell’energia cinetica: ecco che cos’è

Per chi ha interesse nello scoprire maggiori delucidazioni sul teorema dell’energia cinetica, questo è l’articolo adatto. Lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Foggia ha intenzione di spiegare il teorema con una definizione per poi valutarne le possibili applicazioni in fisica.

Definizione di energia cinetica

L’energia cinetica è l’energia che possiede un corpo per il movimento che ha o che acquista: equivale, dunque, al lavoro necessario per portare un corpo da una velocità nulla a una velocità nota.

formula energia cineticaFormula dell’energia cinetica

La cinetica è basilare nello studio della meccanica classica e si esprime convenzionalmente con il simbolo K. Arrivando subito a definirla con una formula matematica dell’energia cinetica, vediamo che:

K= 1/2mv2

Dove m indica la massa del corpo in questione e v la velocità; l’energia cinetica ha la stessa dimensione di un lavoro, quindi si misura in joule.

Ciò significa che a parità di velocità un corpo due volte più grande avrà un’energia cinetica doppia; d’altra parte se ad equivalersi tra due corpi fosse la massa un corpo con una velocità doppia sprigionerà un’energia cinetica quattro volte più grande.

Infatti sono queste due le variabili da tenere in considerazione quando si parla di cinetica il cui calcolo non solo è legato alla velocità di un corpo (d’altra parte qualsiasi corpo in movimento possiede un’energia cinetica calcolabile) ma vi concorre anche la massa del corpo in questione.

L’energia cinetica, inoltre, può variare e questo a causa di una variazione di velocità provocato da una forza. Per calcolare questa variazione di energia cinetica è possibile ricorrere alla formula:

Delta K = Kf – Ki

= ½ mv2f – ½ mv2i

Teorema della cinetica: in cosa consiste

Continuiamo prendendo in esame il teorema dell’energia cinetica cioè quel calcolo che mette in relazione la forma di energia legata al moto con la nozione di lavoro e stabilisce che ‘energia cinetica finale del corpo è uguale alla somma dell’energia cinetica iniziale e del lavoro compiuto dalla forza lungo la traiettoria del moto.
formula matematica dell’energia cinetica
In fisica questo teorema viene anche denominato “teorema delle forze vive” in quanto anticamente si definiva “vis viva” – cioè “forza viva” in latino –  il prodotto della massa per il quadrato della velocità. Da qui la denominazione usata su alcuni vecchi testi di fisica.

l teorema è fondamentalmente una conseguenza del secondo principio della dinamica espresso da Newton che enuncia che la forza agente su un corpo è direttamente proporzionale all’accelerazione e ne condivide la direzione e il verso, con costante di proporzionalità data dalla massa del corpo.

Dunque, la forza è proporzionale al tasso di variazione della quantità di moto nel tempo e questo si può esprimere con la formula matematica:

F= dq/dt

In pratica, immaginando di applicare una forza ad un oggetto fermo per spostarlo, il risultato del lavoro compiuto sarà l’aumento di velocità dovuto allo spostamento, e il relativo aumento di energia cinetica.

Forza elastica: la formula

Proseguiamo con lo studio della dinamica e delle sue variazioni facendo un riferimento alla forza elastica e alla legge di Hooke. Nello specifico la forza elastica è una forza esercitata dai corpi a seguito di una deformazione che li comprime o li dilata, perfettamente spiegata se si tiene presente una molla.

Hooke fu il primo a teorizzare questa legge attraverso uno studio sperimentale.

La formula che la definisce prende il via dalla considerazione che bisogna calcolare la differenza tra la lunghezza di una molla a riposo (chiamata elongazione) e una lunghezza raggiunta tramite un allungamento. Questa differenza viene indicata con la lettera x.

Da questo vediamo che la formula della forza elastica è la seguente:

F->e = -kx->

Dove appunto x è l’elongazione mentre k è la costante elastica della molla e si misura in newton / metro. Sia la forza sia l’elongazione sono due grandezze vettoriali.

Applicazioni delle conoscenze di fisica e meccanica classica

Nell’offerta formativa telematica proposta dalla Unicusano di Foggia sono diversi i corsi di studio che dovranno confrontarsi con queste conoscenze.

Primo fra tutti è sicuramente il corso di laurea in ingegneria meccanica che si sviluppa in un percorso triennale ed in una specializzazione biennale.

Il corso di laurea triennale in ingegneria meccanica a Foggia porterà lo studente ad acquisire conoscenze base relativamente alla comprensione di un disegno tecnico e alla valutazione dei suoi elementi costruttivi, alla conoscenza delle formulazioni principali atte a valutare le sollecitazioni presenti negli elementi meccanici e dei principi base inerenti i fenomeni termodinamici caratterizzanti i sistemi meccanici.

Competenze acquisite con il corso di laurea in ingegneria

Con la specializzazione in ingegneria meccanica, poi, lo studente riuscirà a aumentare le proprie competenze arrivando  ad averle in ambiti specifici quali:

  • progettazione e gestione di sistemi di produzione industriali, dei processi tecnologici, degli insediamenti industriali e dei sistemi produttivi e logistici;
  • gestione della manutenzione, le tecnologie industriali e l’automazione dei sistemi industriali;
  • progettazione di sistemi integrati di produzione, con attenzione alla gestione industriale della qualità;
  • progettazione di sistemi meccanici equipaggiati da sistemi attivi e intelligenti ad alta tecnologia (ad esempio: macchine e impianti automatici, veicoli e robot industriali);
  • gestione della problematiche con un approccio sistemistico orientato al prodotto nella sua globalità ed integrato delle metodologie e tecnologie di simulazione basate sui paradigmi di prototipazione virtuale, fabbrica virtuale e manichini virtuali;
  • progettazione, con metodi avanzati e innovativi, di componenti e i sistemi meccanici.

Inoltre anche per gli studenti che desiderano approcciarsi ad uno studio ingegneristico nell’ambito dell’ingegneria agro-industriale, saranno indispensabili queste conoscenze.

Tra le competenze che si potranno acquistare nel corso dei tre anni del corso di laurea in ingegneria agro-industriale, infatti, ci sono le seguenti:

  • conoscenza delle operazioni unitarie in termini di fenomenologia, bilanci materiali ed energetici e cinetiche;
  • conoscenza delle relazioni e modelli matematici utili alla soluzione dei problemi numerici di progetto e di controllo;
  • conoscenza degli schemi funzionali dei principali impianti e dei criteri di ottimizzazione;
  • conoscenza dei principali processi di trasformazione degli alimenti in termini di definizione di prodotto e studio di processo;
  • conoscenza delle proprietà delle molecole che condizionano, nei sistemi alimentari, la trasformazione della materia prima in prodotto finito.

Le video-lezioni proposte dalla Unicusano di Foggia concorreranno a formare professionisti del settore che facilmente potranno inserirsi nell’ambito delle piccole e medie imprese agroalimentari del foggiano. Infatti sempre di più si sente l’esigenza di acquisire personale specializzato che renda possibile non solo ottimizzare modalità e costi di produzione ma anche omologare l’azienda verso quelle che sono le normative europee nel campo.

Ecco perché lo studio della fisica non è puramente ristretto a formule matematiche ma diventa anche applicabile a professioni di spicco, interessanti e remunerative.

Infatti, i meccanismi dell’energia cinetica offrono diverse possibilità di applicazione nel campo delle professioni legate all’ambiente. Ne sanno qualcosa i giovani iscritti al master online II Livello in Innovazione, sviluppo e gestione di reti energetiche basate su energie rinnovabili.

Proprio strutture come mulini ad acqua o dighe ma anche pale eoliche, infatti, permettono di produrre energia elettrica “pulita” utilizzando l’energia cinetica.

Per saperne di più sui corsi di laurea online e sui master fruibili in modalità telematica promossi dalla Unicusano è possibile contattare lo staff al numero 800 98 73 73 o compilare il form di richiesta info presente sulla home page del sito.

Lo staff sarà lieto di aiutarvi nella scelta del percorso di laurea più adatto alle vostre aspirazioni e alle vostre esigenze.

Commenti disabilitati su Teorema dell’energia cinetica: ecco che cos’è Studiare a Foggia

Read more

Come si fa una relazione scritta: regole e consigli

Spesso e volentieri nel corso degli anni universitari ci si trova a dover effettuare dei lavori scritti. Dunque, in questo articolo lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Foggia ha intenzione di fornire tutte le specifiche su come si fa una relazione scritta.

Infatti, esistono delle regole ben precise sull’argomento che devono essere comprese ed interiorizzate… e questo sarà ben utile anche quando ci si approccerà alla redazione della tesi di laurea.

Scrivere una relazione in psicologia: perché farlo e quando serve

Chiaramente essere al corrente di come scrivere una relazione è fondamentale per tutti gli studenti iscritti ai corsi di laurea online della Unicusano di Foggia ma in questo articolo ci concentreremo soprattutto sulle relazioni di ambito psicologico e su quanto queste possano essere utili nello studio e – più avanti – nella pratica del mestiere di psicologi.
come scrivere una relazione
Infatti, un buono psicologo deve – successivamente ad un intervento su un paziente – operare una relazione scritta in riferimento alla diagnosi, alle cure e alle azioni operate, alla durata di quest’ultime e ai risultati raggiunti. Dunque una relazione che si articolerà nel tempo e che dovrà essere svolta secondo delle regole così che possa essere diffusa e compresa anche da altri esperti del settore.

Per questo motivo coloro che frequentano il corso online di psicologia a Foggia fin dalla triennale dovranno assimilare gli strumenti utili per la comunicazione e la gestione dell’informazione, la conoscenza di una lingua straniera e la conoscenza di metodi, tecniche e procedure di indagine scientifica e applicativa nell’ambito della psicologia, con specifici approfondimenti sui metodi psicometrici e le procedure informatiche per l’elaborazione dei dati.

Si tratta di competenze che saranno poi utilizzate nel corso della redazione di una relazione sull’andamento dei pazienti o su eventuali studi sperimentali.

Tra le competenze associate alla funzione che si implementeranno nel corso  della laurea in psicologia, ci sono anche:

  • l’ utilizzo di test (non diagnostici) e di altri strumenti standardizzati;
  • la conduzione di colloqui e interviste, di osservazioni con uso di strumenti di analisi quali-quantitativi
  • l’applicazione di protocolli per la selezione e la valorizzazione delle risorse umane e per l’orientamento professionale;
  • la verifica e valutazione di interventi professionali (promozione, sviluppo, recupero, orientamento e prevenzione);
  • la partecipazione alla costruzione, adattamento e standardizzazione di strumenti di indagine psicologica;
  • tutte le attività collegate alle fasi della ricerca psicologica riguardanti la raccolta, l’elaborazione statistica e la gestione dei dati psicologici.

Tutte queste concorrono  – nella pratica – allo sviluppo di metodologie di osservazione e dell’utilizzo di strumenti testologici e relazionali per la valutazione.

Come si fa una relazione: le dritte da seguire

Ma come va scritta di preciso una relazione, che sia di ambito psicologico o altro? Ecco tutte le dritte da seguire…
Come si fa una relazione
Iniziamo col dire che Scrivere una relazione significa riferire con precisione i risultati di una qualsiasi attività di studio (ricerca, esperimento scientifico, argomento di studio che coinvolge una o più discipline eccetera), documentandone nei particolari le fasi di lavoro.

Ma come si struttura? Vediamolo insieme.

Scrivere una scaletta

Come prima cosa, come nel caso di relazione di un libro o di redazione della tesi di laurea,  ma non solo, è opportuno fissare i punti chiave dello svolgimento in una scaletta. Potrà essere soggetta a modifiche ma ciò che conta è che segua una struttura chiare ed organizzata.

Nel dettaglio, quando si parla di una relazione scientifica o dei dettagli di un esperimento, i punti da seguire sono:

  • definizione dell’obbiettivo dell’attività;
  • focus sulle modalità in cui il lavoro si è svolto
  • dettagli sul metodo di indagine (ricerca, sperimentazione, progettazione…)
  • spiegazione degli strumenti utilizzati
  • le fasi di lavoro
  • eventuali problematiche intercorse
  • valutazione dei risultati
  • tempi richiesti
  • possibili sbocchi e futuri sviluppi dello studio
  • conclusione

Ricerca delle fonti

In quanto si tratta di un testo scientifico o comunque che può essere sottoposto ad una comunità di riferimento professionale, è bene che la relazione psicologica (o altri) sia accompagnata da uno studio concreto delle fonti, in modo tale che possa essere ritenuto un testo oggettivo.

Perciò, è necessario  che le fonti utilizzate siano affidabili e oggettive. Inoltre, dovranno essere citate nel testo (come note a piè pagina) in quanto sarà proprio su di esse che si baserà la veridicità e l’accettazione dei fatti.

Parti e struttura del testo del testo

Ma arriviamo a qualcosa di più concreto ed analizziamo la struttura del testo di una relazione scientifica. Come detto già a proposito della scaletta, nelle parti del testo va ritrovata una omogeneità condivisa dalla comunità scientifica.

Dunque, per scrivere una relazione efficace bisogna seguire una data struttura:

Introduzione di una relazione

Il testo deve necessariamente iniziare con una breve introduzione nella quale andrà presentato in sintesi l’argomento trattato, andranno motivate le scelte che hanno portato a quel preciso argomento, andrà definito lo scopo del lavoro e le fasi e i tempi di lavoro. Infine, se presenti, andranno citate anche le altre persone che hanno contribuito all’indagine in oggetto.

Corpo del testo

Dopo questa breve analisi dei fatti si dovrà passare ad una fase di sintesi nella quale dovranno essere interpretati i fatti, ricavando delle indicazioni utili per futuri studi o nuovi sviluppi nel tema.

Per questo andranno spiegati gli aspetti esaminati nel lavoro, il metodo seguito e gli strumenti usati.

Conclusione della relazione

Infine, è il momento di concludere il lavoro presentando i risultati finali e fornendo dei commenti a sostegno di questi. Inoltre, in questa ultima fase, è possibile effettuare delle valutazioni personali del lavoro e delle riflessioni finali sulle evidenze emerse dal documento.

Immagini, schemi e bibliografia

Poi, esiste uno strumento efficace per fornire al testo la giusta oggettività: utilizzare immagini o schemi a sostegno delle proprie tesi. In questo modo la concretezza di quanto detto aumenterà e – in futuro – queste potranno diventare le fonti a sostegno del lavoro di altri.

Inoltre è opportuno segnalare, nella bibliografia conclusiva, tutti i documenti consultati riportando manuali, siti internet ed articoli di giornale che sono stati utilizzati nelle citazioni o comunque a sostegno della propria tesi esposta nella relazione.

Scelta del titolo migliore

Infine, non resta che scegliere un titolo efficace per la relazione. Deve essere assolutamente chiaro e deve esemplificare ciò che la relazione contiene. Essendo un testo scientifico è meglio evitare espressioni vaghe o giochi di parole umoristici. Al massimo, è possibile utilizzare qualche famosa citazione evidenziando i cambiamenti rispetto a quanto questa sostenga nel suo significato.

In ogni modo è sempre meglio scegliere o definire con certezza il titolo a fine relazione, così da avere tutto il lavoro chiaro punto per punto.

Correzione del testo

Poi, prima di presentare la relazione è opportuno rivedere e correggere il testo, affinché sia chiaro sia nella forma sia nel contenuto.

Per controllare al meglio questo, ci sono delle regole da seguire:

  • i concetti devono essere espressi in modo chiaro, logico, consequenziale e soprattutto oggettivo
  • il linguaggio utilizzato deve essere caratterizzato da un lessico preciso, specifico dell’argomento trattato
  • I periodi utilizzati nel testo devono essere brevi
  • Il font deve essere leggibile, sia nel caso che il documento debba essere stampato, sia nel caso che debba essere letto a monitor.
  • Le parole chiave devono essere in grassetto, così come i titoli dei vari paragrafi
  • Se necessario, scegliete la chiarezza dell’elenco puntato
  • Deve esserci un indice conclusivo

Commenti disabilitati su Come si fa una relazione scritta: regole e consigli Studiare a Foggia

Read more

App allenamento: le migliori da scaricare

Quali sono le migliori app allenamento? E sono davvero utili per far alzare dal divano studenti sedentari che non hanno alcuna intenzione di andare in palestra? In questo articolo lo staff della Università online Niccolò Cusano di Foggia ha intenzione di fare una classifica di 10 applicazioni ottime per tonificare il fisico in vista della prova costume.

 applicazioni per allenamenti

Le applicazioni per allenamenti casalinghi, oltre ad essere davvero pratiche, concorrono anche a fornire delle statistiche di miglioramento (monitorando i risultati delle attività sportive) che contribuiranno a far aumentare il morale. D’altra parte più si ha la certezza di far bene, più si sarà motivati e si vorrà continuare a lavorare per avere un fisico allenato ed invidiabile.

Sembra, infatti – a giudicare da quanto è emerso da un sondaggio condotto dalla Unicusano di Foggia – che lo sport e l’allenamento tornino alla ribalta proprio nel mese di aprile, tra le intenzioni degli studenti. Dopo la pigrizia invernale e le abbuffate festive, dunque, si sente l’esigenza di ritrovare il benessere.

Vediamo, dunque, quali sono i ritrovati tecnologici per allenarsi… senza dover acquistare un abbonamento in palestra.

Allenarsi con un’app: è possibile e divertente

Ecco allora dieci applicazioni che potrete utilizzare per tenervi in forma… con un click!

1. Personal Trainer by Skimble (disponibile per Android)

Si tratta di una applicazione fitness dalle ottime recensioni. Per la prima volta non sarete soli di fronte allo schermo del vostro smartphone ma nell’esercizio sarete guidati da due voci motivazionali; quelle dei personal trainer Jack e Sofia.

Potete scaricarla sul vostro smartphone Android andando a questo link.

2. Runtastic Results (disponibile per Android e iOS)

Si tratta di una ottima applicazione per fare esercizio ginnico in palestra o a casa (come dicevamo, quest’ultima sembra essere la location preferita degli “sportivi” di Foggia) e, inoltre, è gratuita.

Utilizzando questa versione non a pagamento è possibile usufruire dei molteplici esercizi inclusi nell’app. Infatti, è possibile non solo scegliere la parte del corpo che si desidera allenare ma anche decidere il tempo da dedicare all’esercizio – diventando un ottimo personal trainer.

Poi, Runtastic Results è compatibile anche con Apple Watch, quindi chi è in possesso di un iPhone e dell’orologio smart di Apple, potrà senza problemi monitorare i progressi sportivi anche dal polso.

Per scaricarla, cliccate qui.

3. Nike NTC (disponibile per iOS)

Questa è una buonissima applicazione dedicata soprattutto al mondo femminile (ma anche gli uomini ne resteranno soddisfatti). Consente, infatti, di poter svolgere gli esercizi per il corpo aiutandosi con l’assistenza di video tutorial e spiegazioni dettagliate.

Per maggiori informazioni e per scaricarla sul vostro iPhone, ecco il link.

4. Sfida Fitness 30 giorni (disponibile per Android e iOS)

Per tonificare il corpo con esercizi specifici e raggiungere un fisico invidiabile in soli trenta giorni, scegliete questa app. con un’interfaccia minimal, molto facile da seguire e semplice da utilizzare, offre tanti allenamenti che possono poi essere salvati così da monitorare i progressi fatti e le attività svolte nel corso dei 30 giorni di allenamento.

Potete scaricarla potete far riferimento a questo link.

5. Seven (disponibile per Android e iOS)

Si tratta della applicazione per allenarsi perfetta per chi ha poco tempo ma desidera comunque mettersi in forma. Infatti è appositamente creata per dedicare 7 minuti al giorno agli esercizi. Basta scegliere la parte del corpo da allenare (esercizi gambe, braccia, addominali eccetera) e poi far partire il cronometro.

Potete scaricarla qui ed utilizzarla anche per “sfidare” i vostri amici, creando gratuitamente un account.

6. Max Capacity Training (disponibile per Android e iOS)

Siamo sulla stessa lunghezza d’onda dell’app precedente: anche questa è dedicata a chi ha poco tempo da dedicare all’allenamento. Il software, infatti, prevede che si possa esercitasi per 16 minuti al giorno per tre volte a settimana riuscendo comunque ad ottenere risultati visibili già dopo due mesi.

Se anche voi ne avete bisogno, la trovate a questo link.

7. Sworkit (disponibile per Android e iOS)

Questa applicazione training offre la possibilità di accedere a piani di allenamento personalizzati che permettono all’utente di ricevere il massimo dei benefìci possibili dalla propria attività fisica. È possibile scegliere di impostare un piano di allenamento di soli 5 minuti o svolgere esercizi più lunghi fino ad arrivare anche a un’ora di costante attività.

È ottima per l’allenamento gambe, braccia, addominali e in generale per tonificare il fisico in vista dell’estate. Potete scaricarla sul vostro smartphone a cliccando  al seguente link.

8. Nike+ Training Club (disponibile per Android e iOS)

Un’altra applicazione ben fatta e completa per tutti coloro che vogliono allenarsi in casa: offre oltre 150 allenamenti gratuiti che sono adatti a praticamente tutti gli utenti, da quelli più sedentari a quelli più sportivi.

Dopo aver deciso l’allenamento da scaricare, si potrà eseguire guidati dalla voce di un personal trainer e… i risultati sono garantiti!

Potete scaricare la app andando a questo link.

9. Fitstar Personal Trainer (disponibile per Android e iOS)

Se volete fare degli ottimi esercizi per il corpo, allora scaricate l’app Fitstar. L’unico neo è che si tratta di una app in lingua inglese, ma comunque è molto facile da utilizzare e permette di svolgere degli esercizi di ginnastica sotto lo “sguardo” di personal trainer virtuali che sapranno guidarvi al meglio.

Inoltre, consente di monitorare le proprie prestazioni. Scaricatela con un semplice click.

10. Strava GPS (disponibile per Android e iOS)

Si tratta di una applicazione gratuita per gli amanti della corsa e del jogging che  permetterà di monitorare accuratamente i percorsi e le distanze che si coprono regolarmente mentre si fa sport, grazie alla memorizzazione sullo smartphone.

È ottima per tutti coloro che si allenano fuori casa, concedendosi del tempo per immergersi nella natura (se possibile) o comunque scoprire luoghi vicino casa tutti da esplorare. Ciò non toglie che può essere utilizzata in abbinamento ad una applicazione per gli esercizi in casa, così da poterle alternare efficacemente monitorando i risultati.

La trovate semplicemente con un click qui.

applicazioni per allenarsi

Tutte queste applicazioni sono strumenti validi, sta ad ognuno trovare quella più in linea con le proprie esigenze. Inoltre è possibile anche scegliere app dettagliate e destinate ad allenamenti specifici (come il nuoto o la bicicletta, solo per fare degli esempi). Il web è pieno di strumenti dedicati al fitness: ciò che conta è sempre ascoltare il proprio fisico senza sovraccaricarlo.

Inoltre, prima di affrontare qualsiasi esercizio è sempre bene fare dello stretching e poi, al termine degli esercizi, concludere la seduta con un po’ di defaticamento muscolare. Questo consentirà di adattare il corpo alla ginnastica, senza traumi.

Infine, ad un sano allenamento va abbinata anche un’alimentazione controllata in modo tale che il corpo possa ritrovare il benessere il prima possibile, depurandosi e liberandosi dalle tossine in eccesso. Dunque, spazio ad una dieta sana ed equilibrata senza abuso di dolci o di carboidrati. Ricordatevi di preferire la frutta di stagione e di reintegrare sempre i Sali minerali persi nel corso dell’allenamento con spuntini (vietati i junk foods). Via libera a tisane detox naturali come ad esempio quelle al finocchio che depurano l’organismo lasciando anche qualche minuto da dedicare al relax.

Se avete trovato utili questi consigli sulle applicazioni per allenarsi o se ne avete altre da segnalarci, ditecelo pure nei commenti. E non esitate a condividere questo articolo sulla bacheca di un vostro amico pigro che ha bisogno della giusta motivazione per allenarsi e prendersi cura del proprio corpo.

Non ci resta che augurarvi… buon allenamento!

Commenti disabilitati su App allenamento: le migliori da scaricare Studiare a Foggia

Read more

Dolci pasquali pugliesi: le specialità da provare

Siete pronti a assaggiare prelibatezze pugliesi, in occasione delle feste di Pasqua? In questo articolo lo staff della Università Niccolò Cusano di Foggia ha deciso di proporre uno speciale menu dove saranno evidenziati i meravigliosi dolci pasquali pugliesi, focalizzandosi su ricette della tradizione.
ricette pugliesi
Proprio così: l’interesse primario dei giovani di Foggia iscritti ai corsi online della Unicusano di Foggia è rivalutare e valorizzare le ricette pugliesi della tradizione.

Infatti, nel pranzo pasquale tipico pugliese esiste un canone imposto dalla storia che riflette le radici del luogo: durante il pranzo sono imprescindibili le uova e l’agnello. Secondo riti antichissimi le uova vengono utilizzate come di fecondità e di vita e come simbolo di rinascita di una nuova vita; l’agnello invece – associando la tradizione alla nascita di Gesù Cristo – è diventato simbolo di rinascita e quindi di Resurrezione con la figura dell’“agnello di Dio” sacrificale.

In aggiunta a questo, la Puglia ha una tradizione gastronomica legata alla terra e al mare e per questo  propone sulle tavole imbandite in occasione della festa di Pasqua anche verdure e primizie di stagione, condite con il prezioso olio extravergine di oliva pugliese.

Pranzo di Pasqua: ecco le ricette tipiche

Prima di arrivare alla tradizione dolciaria dei pranzi di pasqua a Foggia e dintorni, iniziamo presentando quello he potrebbe essere un classico menu formato da antipasto, i primi piatti ed un secondo.

Come antipasto di Pasqua, è tradizione presentare il Benedetto: un tipico piatto foggiano caratterizzato da uova sode benedette dal prete durante la messa pasquale, salame, ricotta fresca e asparagi. Molto frequenti sulle tavole in occasione della Pasqua sono i panzerotti pasquali, gioielli del forno fritti e ripieni di ricotta fresca.

Tra i primi piatti, segnaliamo il classico (ed intramontabile) riso patate e cozze: una ricetta della tradizione che si inserisce alla perfezione nel pranzo pasquale. La cottura lenta rende necessario iniziare a preparare questa pietanza già il giorno prima, così da arrivare preparati e non in affanno in tavola.

Come secondo piatto, tradizione vuole che l’agnello o il capretto la facciano da padroni. La tradizione del foggiano porta a servire questa pietanza sotto forma di brodetto, cioè con la carne a pezzetti cotta in tegame insieme ad asparagi, uova sbattute e formaggio grattugiato.

Finita l’abbuffata dei primi e secondi, è arrivato il momento di scoprire i dolci della tradizione pugliese per la Pasqua. Vi lasceremo di seguito anche le dosi necessarie e i metodi di preparazione… voi non esitate a scatenarvi nella preparazione!

Ricette dolci pasquali: ecco quelli più gettonati

Vogliamo presentarvi due famose ricette di Pasqua che si affiancano – tradizionalmente – alla colomba e all’uovo di cioccolato. Iniziamo subito…

Taralli dolci pugliesi

I taralli in Puglia non mancano mai, nemmeno a Pasqua. Per prepararli occorrono:

  • 500 grammi di farina
  • Bicarbonato
  • 10g di lievito per dolci
  • 6 uova
  • Sale
  • Scorza di limone
  • 30ml di grappa

La preparazione è la seguente: disponete la farina nella classica forma a fontana ed aggiungete un cucchiaino di bicarbonato e il lievito. Di seguito, aggiungere le uova (precedentemente sbattute), un pizzico di sale, scorza di limone e la grappa.

Il dolce va impastato a lungo con le mani, lavorando l’impasto fino ad ottenere dei bastoncini da cui andranno realizzati degli anelli, la forma tipica dei taralli. In una pentola capiente, fate bollire in una pentola dell’acqua salata e cuocete per due minuti alcuni taralli per volta, scolandoli aiutandovi con uno scolapasta. Infine, disponete i taralli bolliti su una teglia e lasciate riposare dodici ore; poi cuoceteli in forno a 190 gradi per 20 minuti. Per la glassa utilizzate 500 grammi di zucchero, un albume, scorza di limone e acqua.

Scarcelle

Il nome, tradizionalmente, significa “ruota” e si deve alla classica forma a ciambella del dolce in questione. Si tratta, comunque di biscotti friabili e colorati con l’uovo.

La preparazione necessita dei seguenti ingredienti:

  • 500g di farina
  • 12 grammi di lievito
  • 100 grammi di zucchero
  • tre uova

Molto semplice, dunque! Ecco di seguito la preparazione: occorre impastare farina, lievito, uova e zucchero con le mano, aggiungendo un po’ di latte e di olio extra vergine di oliva per ammorbidire l’impasto che – una volta realizzato – va fatto riposare per tre ore in frigorifero.

I biscotti possono essere realizzati della forma che preferite e decorati con le uova. Per la glassa, utilizzate 500 grammi di zucchero, un albume, acqua e scorza di limone, spennellandola sui biscotti e, infine, infornate per 25 minuti a 170° C.

Di seguito, vogliamo lasciarvi con una filastrocca della tradizione di Pasqua pugliese – proprio a tema scarcelle, di cui i bambini vanno pazzi:

 “Pasque, Pasque, viine cherrenne.

Le peceninne vonne chiangenne.

Vonne chiangenne che ttutte u core:

Scarcedde che ll’ove, scarcedde che ll’ove!”

Avete trovato utili queste ricette? Avete qualcosa da suggerirci in riferimento a dolci tipici che si preparano in occasione della Pasqua? Scrivetelo nei commenti!

Commenti disabilitati su Dolci pasquali pugliesi: le specialità da provare Studiare a Foggia

Read more

Ragionamento induttivo: definizione

Vuoi sapere cos’è il ragionamento induttivo, quando deve essere applicato e quali sono le finalità reali nel mondo del lavoro e delle realzioni umane? In questo articolo lo staff della Unicusano di Foggia ha intenzione di rispondere a tutte queste domande.
metodo induttivo
Se siete interessati, continuate a leggere!

Partiamo, come prima cosa, dalla definizione di metodo induttivo partendo da quella di induzione (dal latino in-ducere): termine che significa letteralmente “chiamare a sé” e che dunque rappresenta un procedimento che partendo da singoli casi particolari cerca di stabilire una legge universale (in undal particolare al generale).

Si tratta quindi di un metodo che cerca di portare ad una affermazione generale a partire dall’osservazione di alcuni fatti “piccoli”. Per questo, il suddetto metodo d’indagine induttivo è alla base delle scienze legate all’osservazione. Non è un mistero che già il filosofo greco Aristotele – nella Grecia antica – attribuisca a Socrate il merito di aver scoperto il metodo induttivo. Poi, nel XVII secolo questo metodo d’indagine viene rivalutato da Francesco Bacone, contribuendo alla nascita della ricerca scientifica moderna, basata sull’osservazione e sulla sperimentazione.

Esempi di metodo induttivo

Per semplificare la questione è necessario fornire alcuni esempi di ragionamento induttivo:

  • ho pescato dal sacco una pallina blu
  • ho pescato dal sacco un’altra pallina blu
  • è ragionevole pensare che tutte le palline contenute nel sacco siano blu

Oppure:

  • Ho visto colare un corvo nero
  • Ho visto un altro corvo nero
  • Posso affermare che probabilmente tutti i corvi siano neri

Come si è visto ci sono due espressioni, utilizzate nell’ultima affermazione (è ragionevole pensare e probabilmente) che rendono non definitivo il risultato. Questo avviene perché il metodo induttivo è alla base del metodo sperimentale nel quale soltanto la raccolta dei dati e la ripetizione dell’esperimento nel corso del tempo consente di avvalorare in senso generale il risultato ottenuto.

Differenza tra induzione e deduzione

La deduzione è quel procedimento che arriva a produrre un’affermazione conclusiva a partire da altre verità generali trattate come ipotesi (Dal latino deducere, cioè trarre da, per ragionamento)

Grande sostenitore del metodo deduttivo fu Isaac Newton: l’inventore supera la necessità delle osservazioni nel tempo (a cui abbiamo già accennato in quanto fondamenti dell’osservazione induttiva scientifica) con le cosiddette “regole del filosofare”. In questo modo Newton stabilisce delle regole che prendono vita proprio dalla generalizzazione induttiva, arrivando a stabilire delle leggi – verificate con esprimenti e basate su dati quantitativi  – grazie alle quali si possono dedurre  e spiegare tutti i principi ed i fenomeni dell’universo.

Questo riprende un precedente tentativo di dare vita ad un ragionamento di tipo induttivo-deduttivo. Stiamo parlando del metodo di galileo Galilei che si esplica come di seguito.

  • Osservazione del fenomeno
  • ipotesi interpretativa dopo un esame del fenomeno
  • Deduzioni ricavate da ipotesi con l’uso della matematica
  • esperimento

Dunque, il metodo di Galilei nelle prime due fasi è induttivo, ma nelle successive è deduttivo.

Cosa studiare per imparare il ragionamento induttivo

Non c’è dubbio: anche la mente va allenata e per imparare al meglio il metodo induttivo e deduttivo, l’Università Niccolò Cusano di Foggia mette a disposizione corsi di laurea in psicologia: triennale e specialistico.

Nello specifico studiare psicologia a Foggia, consente agli studenti di arrivare a possedere conoscenze di base sulle principali tematiche della psicologia e i relativi metodi di indagine. Pertanto, il curriculum formativo è strutturato in modo tale da fornire dei contenuti che consentano di acquisire conoscenze teoriche e competenze pratico-applicative nell’ambito dei processi cognitivo-emozionali e psicofisiologici del comportamento.

Successivamente – continuando con il corso magistrale in psicologia clinica a Foggia – si arriverà a sviluppare competenze specifiche saranno costituite dalla capacità di formulare la diagnosi psicologica, anche attraverso l’utilizzo di strumenti di indagine psicometrica, in funzione di modelli teorico-applicativi scientificamente validati. Il laureato avrà anche modo di interiorizzare abilità adeguate per la strutturazione di progetti di intervento psicologico-clinico e riabilitativo rivolti al singolo e alla comunità.

Tutti i corsi di laurea online promossi dalla Unicusano e specialmente il corso di laurea online in psicologia, permette agli studenti di acquisire delle competenze e delle capacità di apprendimento strettamente connesse con il metodo induttivo e deduttivo.

Dunque, nello specifico, i giovani laureati – una volta approdati nel mondo del lavoro – riusciranno ad applicare gli strumenti ricevuti nel corso degli anni di studio così da riuscire ad  interpretare problemi diversi da quelli oggetto di studio specifico.

È proprio la combinazione degli insegnamenti e delle attività formative che permette agli studenti di leggere e comprendere un testo scientifico di livello universitario, di utilizzare manuali di riferimento relativamente a problemi specifici e di consultare manuali per l’uso di software di tipologie e applicazioni diverse – sia nel campo della psicologia che di tutte le scienze.

Se avete bisogno di altre delucidazioni, potete far affidamento sul vostro tutor universitario che provvederà ad aiutarvi ed indirizzarvi verso un metodo d’indagine che sia adatto alla materia di studio, alle applicazioni nel mondo del lavoro – sulla base della professione da voi desiderata – e all’esperienza dei precursori in materia.

Commenti disabilitati su Ragionamento induttivo: definizione Studiare a Foggia

Read more

Planner settimanale: ecco come organizzare la tua settimana lavorativa

Studenti universitari distratti, smemorati e sbrigativi questo post è per voi! Lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Foggia, infatti, vuole venire incontro a questa categoria di millennials fornendo una piccola guida su come fare un planner settimanale vincente che permetta di organizzare al meglio gli impegni, senza perdersi per strada niente.
Planning della settimana universitaria
L’organizzazione, infatti, è la strada per il successo – soprattutto nel caso in cui siate iscritti ai corsi online della Unicusano di Foggia.

Proprio così: frequentare l’università online è il miglior modo per educare alla pianificazione e alla gestione del tempo. Infatti, avere sottomano il tempo è una risorsa preziosissima e – al tempo stesso – una grande responsabilità.

Fin da subito gli iscritti ai corsi online a Foggia avranno modo di testare la loro capacità di organizzazione scegliendo il momento più giusto e consono per seguire le video-lezioni online (che, appunto, non hanno orari imposti ma possono essere fruite autonomamente connettendosi alla piattaforma telematica presente sul sito web). In questo modo svilupperanno una visione globale che li porterà a giostrarsi tra appuntamenti extra scolastici ed obblighi formativi – tenendo presente le date degli esami da sostenere.

Ma non si tratta di una attitudine innata: l’organizzazione va perpetrata nel tempo, affinata e interiorizzata finché non diventa un modus vivendi.

Ma, in ogni modo, avere un alleato è sempre un’ottima cosa e per questo lo staff della Unicusano ha deciso di fornire un esempio di calendario settimanale che è possibile utilizzare per mettere a fuoco nel migliore dei modi tutti gli impegni.

Planning della settimana universitaria: ecco un esempio

Forniamo questo planning come mero esempio di una corretta organizzazione che vuole esaltare le ore di studio senza rinunciare a hobby o passioni sportive. Ognuno potrà sistemarlo come meglio crede, tenendo conto delle proprie attitudini e dei propri impegni…

Pianificare la settimana:

  • Sveglia alle 8:00
  • Mezz’ora per colazione, toeletta e sistemazione
  • Mezz’ora di camminata (e con la scusa si possono fare anche delle commissioni)
  • Tre ore di studio
  • Relax
  • Pranzo
  • Relax per un’ora
  • Due ore di studio
  • Una o due ore da dedicare allo sport o a hobby
  • Un’ora di svago con gli amici o di commissioni, se necessarie
  • Cena
  • Relax

…E il weekend:

  • Sveglia alle 9:00
  • Mezz’ora per colazione, toeletta e sistemazione
  • Un’ora di camminata
  • Un’ora di studio light
  • Relax
  • Pranzo
  • Relax
  • Pomeriggio di svago con gli amici o di commissioni, se necessarie
  • Cena
  • Relax

In questo modo è possibile incastrare al meglio tutti gli appuntamenti che si hanno. Solo in vista di un esame sarà necessario intensificare le ore di studio: più ore nel pomeriggio e nei fine settimana.

Planner per appuntamenti online: ecco quali scaricare

Infine, vi sveliamo la vera chicca di questo articolo: esistono delle app per pianificare al meglio  il proprio tempo e che riescono efficacemente a gestire (e ricordarci!) appuntamenti e cose da fare. Sono semplicissime da scaricare e stazionano nell’unico oggetto che si ha sempre a portata di mano e di orecchio: lo smartphone.

Ecco perché queste app calendario stanno lentamente ma inesorabilmente soppiantando le vecchie agende cartacee in quanto più facili da portare con sé, sempre a portata di mano e con l’aggiunta fondamentale di ricordare con un avviso sonoro appuntamenti in scadenza.

Ma quali sono le migliori app per fare dei planning? Ecco di seguito quelle selezionate dallo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Foggia:

Any.DO

È una delle app per pianificazione più utilizzate e disponibile gratuitamente per smartphone con software Android. La applicazione mette a disposizione servizi funzionali uniti ad una grafica minimal e al tempo stesso molto curata.

Tra le funzioni più importanti c’è quella di reminder (dedicata agli smemorati che si dimenticano di controllare la app) e quella che consente la sincronizzazione.

Per scaricarla, cliccate qui.

Todoist

È un’applicazione pensata per poter realizzare pratiche to-do-list delle cose da fare, così da avere tutto sempre ordinato in maniera intuitiva. La versione base offre anche la sincronizzazione automatica su tutti i dispositivi, salvataggio su cloud, impostazione di scadenze e date ricorrenti e progettazione di “sotto-liste” ordinate e segnalate con un particolare colore.

Per scaricarla sul vostro smartphone iOS, cliccate sui questo link.

Diario Scuola

Seppur il nome faccia molto liceale, questa applicazione è molto utile anche per gli universitari che devono tenere sotto controllo il planning di lezioni ed esami.

L’app infatti vi permette di aggiungere l’orario in cui si è deciso di seguire le video-lezioni, i voti, i giorni di vacanza, le date degli esami… inoltre è munita di backup e ripristino su e da Google Drive.

La scaricate sul vostro cellulare Android, cliccando qui.

Timeful

A metà strada tra una app per la pianificazione ed una agenda elettronica, rende possibile organizzare nel modo più efficiente possibile incontri, eventi, cose da fare e abitudini con l’aggiunta del fatto che ha il magico potere di consigliare i migliori orari in cui inserire ogni attività basandosi sulle abitudini dell’utente.

Per scaricarla sul vostro cellulare iOS, cliccate qui.

Commenti disabilitati su Planner settimanale: ecco come organizzare la tua settimana lavorativa Studiare a Foggia

Read more

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali